Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 
 

Cartocci: giochi da Prima Repubblica

12/02/2014 

 “E’ un tipico pasticcio in salsa italiana”, commenta il politologo Roberto cartocci, docente di Scienza della politica all’Università di Bologna. “C’è già un precedente: il binomio Veltroni-Prodi. Quella diarchia tra un segretario di un nuovo partito a vocazione maggioritaria e un premier proveniente dai ranghi della Dc presenta molte analogie. Entrambi i governi sono frutto di elezioni non risolutive. Si ricorda che nel 2006 Prodi governava con i senatori a vita per riuscire a strappare la maggioranza? E anche nel 2013 il Pd non ha perso ma non ha nemmeno vinto per via dell successo di Grillo. Dopo una serie di estenuanti vicende siamo arrivati al governo Letta, frutto dell’incapacità di vincere del suo partito, senza una linea molto incisiva, per usare un eufemismo”.
Quali sono gli obiettivi Letta e Renzi?
“Letta ha obiettivi diversi rispetto a Renzi ma sono obiettivi deboli, perché prevedono un accordo con una parte del Centrodestra”.
Anche Renzi si è accordato col Centrodestra.
“E’ vero, ma è un Centrodestra diverso rispetto al Centrodestra di Alfano. Alfano serve a Letta per tenere in piedi un governo. Berlusconi serve a Renzi per poter portare a casa delle riforme strutturali (Italicum, abolizione del Senato, Titolo Quinto), che potrebbero dare un senso a questa coesistenza e alla sua leadership”.
Che succede se Renzi potrebbe assumere la guida del governo?
“Senza elezioni, ovvero senza legittimazione popolare, è la classica operazione da Prima Repubblica. Al neosegretario del Pd conviene più andare al governo o alle elezioni? “Una cosa è sicura: non gli conviene andare al governo senza il mandato dell’elettorato”.

Multimedia
Da scout a rottamatore fino a Palazzo Chigi: la marcia di Renzi
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo