logo san paolo
domenica 01 agosto 2021
 
 

Cei: L'Italia cambi registro

08/11/2010  Il cardinale Bagnasco apre l'assemblea dei vescovi e chiede un tavolo dove discutere dell'emergenza lavoro. I cattolici in politica non cedano a lusinghe.

L'assemblea Cei ad Assisi
L'assemblea Cei ad Assisi

Bisogna “cambiare registri”. Per l’Italia non è “più tempo di galleggiare”. Il cardinale Angelo Bagnasco, presidente dei vescovi italiani, apre l’assemblea generale dei vescovi, e denuncia il rischio che il Paese si laceri e poi quello che si fugga dal principio di realtà, per cui si crede che i giorni attuali siano “fintamenti allegri e spensierati”. Bisogna ritrovare invece secondo Bagnasco il “realismo” della cultura classica e cristiana, secondo il quale “le pulsioni interiori vanno regolate” ( e Bagnasco sottolinea che “bisogna saperlo fare”) se “non si vuole alla fine deragliare da se stessi”.

Il presidente dei vescovi ha detto di essere molto preoccupato soprattutto riguardo al lavoro che manca e ha chiesto, con il “dovuto rispetto” alle istituzioni, se è possibile “convocare allo stesso tavolo governo, forze politiche, sindacati e parti sociali, rispettando ciascuno il proprio ruolo e lasciando da parte ciò che divide” per avviare un piano di “emergenza sull’occupazione”. I cattolici impegnati in politica invece non devono cedere a lusinghe e opportunismi, quale che sia lo schieramente scelto, unendosi attorno ai cosiddetti “valori non negoziabili” che il cardinale rilancia con forza, dalla difesa della vita al matrimonio naturale. Sugli scandali che hanno colpito la Chiesa Bagnasco ha ammesso che vi sono stati “deficit, peccati di omissione e tradimenti della fiducia”: “Non sempre siamo stati pronti a identificare la gravità di certe azioni”.

I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%