logo san paolo
domenica 28 novembre 2021
 
 

Censis: sopravvivere alla crisi

08/12/2012  Aumentano i ricchi, ma cede il ceto medio. Anche se quelle italiane sono ancora le famiglie più solide d'Europa.

Giuseppe De Rita (foto Ansa)
Giuseppe De Rita (foto Ansa)

Per il Censis il 2012 è stato «l’anno della sopravvivenza».

«Ma se questa è ormai acquisita», ha spiegato Giuseppe De Rita presentando il 46° Rapporto sulla situazione sociale del Paese, «non lo è, invece, l’unità tra Governo e popolo». Citando Aldo Moro De Rita insiste sul fatto che «lo sviluppo è fatto da Governo e popolo e se il Governo non sente la dinamica, un tempo si sarebbe detto la domanda sociale, che c’è nel Paese non si possono fare molti passi in avanti».

Il Rapporto disegna un quadro delicato per il nostro Paese. Per contrastare la crisi, oltre due milioni e mezzo di italiani hanno venduto «i gioielli di famiglia: oro, mobili e opere d'arte, hanno eliminato sprechi ed eccessi nei consumi, mentre i redditi sono tornati indietro di vent'anni».

E mentre aumenta la caccia al low cost su internet (si cerca l’offerta migliore, magari poi per acquistarla in negozio, anche se cresce l’e-commerce, assicurano al Censis), si assiste a un vero «smottamento del ceto medio». Reggono ancora le famiglie, mentre i più colpiti risultano i single e le coppie senza figli. Quelle più numerose, invece, che possono contare su più redditi, ma anche sulla forza dello stare insieme, pur rallentando l’accumulazione del risparmio, riescono ancora a far fronte alla crisi e si rivelano, in Europa, le famiglie più stabili.

Soffrono i piccoli imprenditori, spesso costretti a vendere l'attività. Se diminuiscono i redditi, la ricchezza netta delle famiglie, negli ultimi 20 anni, è invece aumentata, ma questo grazie soprattutto all'aumento del valore degli immobili posseduti (+79,2 per cento), laddove, invece, nel corso degli ultimi dieci anni la ricchezza finanziaria netta si è abbassata del 40,5 per cento, passando da 26.000 a 15.600 euro a famiglia. Aumentano anche i ricchi: la quota di famiglie che supera i 500.000 euro annui, recita il Rapporto, è raddoppiata, passando dal 6 per cento al 12,5 per cento. Si erode invece il reddito del ceto medio con conseguenze sulle abitudini di consumo e condotte economiche. Più che in passato si mettono a reddito i patrimoni immobiliari, magari affittando una stanza del proprio appartamento o inventandosi bed & breakfast in appartamenti sfitti. Oppure, lo fanno due milioni e 70 mila italiani, si coltivano ortaggi e verdura da consumare ogni giorno, oppure si preparano in casa pane, conserve e gelati (lo fanno 11 milioni di persone). Diminuisce del 62,8 per cento l'uso di auto e scooter  in favore della bicicletta. Infine, anche se i tassi dei muti sono allettanti, il numero delle domande accolte nel quadriennio 2008-2011 è sceso del 20 per cento.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo