Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
 

Cetto La Qualunque colpisce ancora

06/12/2012  Il comico parla del suo personaggio, che nel nuovo film fa il salto nella politica nazionale. Ma anche dei partiti, di Monti e del suo sulla religione. In edicola con FC n.50.

Ormai è una star. Perché se è vero che è stato il teatro a procurargli il favore dei critici e la Tv a regalargli la notorietà, sono due milioni e mezzo gli spettatori che un paio d’anni fa l’hanno visto al cinema in Qualunquemente. Cifra record, specie con l’aria di crisi che tira. D’uopo, quindi, ringraziare Antonio Albanese per la cortesia con cui si presta all’intervista alla vigilia dell’uscita nelle sale di Tutto tutto niente niente, la sua nuova, attesa pellicola. «Scherzi?», ribatte lui recuperando immediatamente il tono amichevole con cui ci eravamo salutati. «Malgrado il successo, sono sempre lo stesso. E poi, in questa epoca di nani, per me voi di Famiglia Cristiana siete come i gladiatori».

– Troppo buono, Antonio...
«Eh no, quello che è giusto è giusto».

– Bando ai convenevoli. Incassati 16 milioni di euro con Qualunquemente, era inevitabile che tu e Giulio Manfredonia, il tuo amico regista, metteste in cantiere il seguito?
«Siamo contenti, chiaro. Ma più che sul denaro mi piace puntare l’attenzione sul numero spropositato di persone che ha visto il film: questa è la cosa meravigliosa! Il fatto che al pubblico sia piaciuto l’amarognolo della storia, ci ha fatto capire che forse era pronto per andare oltre. Perché, qui lo sottolineo, Tutto tutto niente niente non è il seguito del primo film. Piuttosto, è un’evoluzione».

– Sarà. Nei manifesti, però, campeggia Cetto La Qualunque che lancia il nuovo “slogan” contro la iettatoria predizione dei Maya...

«Cetto fa il gran salto nella politica nazionale. Ma stavolta i personaggi sono tre. Maschere che amo, perché sono io che le ho create, ma che allo stesso tempo detesto, perché rappresentano tutto ciò che non mi piace».

...potete leggere l'intervista completa a Antonio Albanese su Famiglia Cistiana n. 50, in edicola e in paparrocchia da giovedì 6 dicembre 2012. Buona lettura!

    I vostri commenti
    1

    Stai visualizzando  dei 1 commenti

      Vedi altri 20 commenti
      Policy sulla pubblicazione dei commenti
      I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

      • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
      • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
      • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
      • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
      • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

      Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
       
       
      Pubblicità
      Edicola San Paolo