logo san paolo
giovedì 18 agosto 2022
 
Il Teologo
 

Che cosa fare se la moglie rifiuta i rapporti intimi?

16/10/2017 

LETTERA FIRMATA - Come comportarsi quando la moglie tira i remi in barca e dopo una certa età rifiuta i rapporti intimi al coniuge che ne sente il bisogno?

Il problema è estremamente delicato. La richiesta del gesto di intimità tra sposi deve essere considerata normale per favorire la comunione di vita. Lo ha ribadito ancora ultimamente papa Francesco nell’Amoris laetitia. Non è l’unico gesto, ma è certamente importante, e i coniugi devono esserne consapevoli, anche se nel ricorrervi è necessario tener presente lo stato fisico e psicologico e le modalità richieste sia nell’uomo sia nella donna, che sono diverse. È vero che ci sono infiniti altri gesti di affettuosità, attenzione, disponibilità, cura che servono a dimostrare l’amore che lega due sposi, per cui se si chiede solo il gesto dell’intimità trascurando gli altri diventa difficile pensare che possa esprimere amore e generare amore. Si può invece immaginare che sia una forma di piacevolezza egoistica a cui non si vuole rispondere. Ma escluderlo a priori come gesto che dopo una certa età non appartiene più alla vita dei coniugi è sbagliato.

Catechismo della Chiesa cattolica. Edizione speciale con nuovi commenti

I vostri commenti
31

Stai visualizzando  dei 31 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo