logo san paolo
giovedì 30 giugno 2022
 
Il Teologo
 

Che rapporti tenere con le persone che abbiamo perdonato?

04/01/2018 

DANIELE Ammesso di riuscire a perdonare, si è poi tenuti a frequentare la persona perdonata, a mangiarvi insieme, a interessarsene? E se così questa entrasse ancora più in confusione?

Il perdono non è facile né scontato una volta per sempre. Non si cancellano d’incanto l’offesa e l’ingiustizia che domandano, invece, spiegazione nel limite del possibile. La via indicata dal Vangelo è la «correzione fraterna» che conduce, nel dialogo, a rendere consapevole anche l’offensore del suo gesto. Il perdono, da dare e da ricevere, è sostenuto dall’esperienza di essere perdonati. Se non arriviamo al perdono, sia pure per un percorso che ha i suoi tempi, come potremmo dire la grande preghiera dei figli e figlie di Dio, il Padre nostro? Per vivere bene la relazione, prima interrotta e ora ripresa, non ci sono ricette. È importante cogliere le occasioni che la quotidianità della vita presenta e che permettono di rispondere con autenticità e convinzione reciproca. L’amore, che ha condotto al perdono, è anche discreto per evitare sia la lontananza sia l’invadenza.

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo