logo san paolo
sabato 23 ottobre 2021
 
 

Cucina etiope, fame e sviluppo

08/08/2011  "Chefs Sans Frontières" è un'originale scuola di gastronomia ad Addis Abeba. L’idea è venuta a tre amici: un giornalista sportivo, una manager e un africano, sindacalista in Italia.

Piccoli ristoratori crescono. Accade sotto il sole dell’Etiopia. E' una storia dagli aromi e dai gusti speciali. Ma è anche una storia di  ingegno incrociato al buon cuore.

Coscette di pollo glassate al limone e mostarda con confit di cipolla di Tropea,  accompagnate da pane injera: un classico dell’Etiopia. Spiedini di roastbeef speziato al berberé con pomodori passiti e chips di aglio e olio. Manioca come variante della patata in un accompagnamento di verdure miste, seguita da un’insalata di songino e mango; come dessert, crema catalana alle spezie e vaniglia del Madagascar. Il tutto innaffiato da bevanda senegalese allo zenzero e ananas e dal caffè Harar, arrivato direttamente dall’Etiopia. Non è il menù di un ristorante etnico alla moda di Milano o Roma, ma un “compito in classe” della scuola di cucina di Chefs Sans Frontières di Addis Abeba, la capitale del Paese africano.


Qui, presso un centro educativo dei missionari Salesiani,  un gruppo di ragazzi di strada ha cominciato a imparare un mestiere che permetterà loro di vivere, valorizzando i prodotti alimentari del territorio e partecipando allo sviluppo turistico del proprio Paese in modo autosostenibile: in prospettiva dunque, non solo cuochi, ma imprenditori a tutti gli effetti. L’idea è venuta a tre amici: Francesco Liello, giornalista sportivo, Silvia Sonaggere, manager d’azienda, e Touty Coundoul, senegalese sindacalista in Italia,  accomunati dalla passione per la buona tavola e dalla volontà di sperimentare un modello assolutamente innovativo di cooperazione allo sviluppo. L’incontro con lo chef Pietro Zito, ristoratore pugliese già impegnato nel volontariato, ha fatto il resto, mettendo i tre in comunicazione con i missionari.


Un pilastro di CSF, infatti, è non lavorare mai da soli, ma insieme ad altre Ong ben radicate sul territorio, che si occupano già del recupero dalla strada di bambini e ragazzi. Questo difficile compito avviene sempre attraverso  istituzioni locali, che da anni si occupano dell’educazione scolastica e dei bisogni primari di queste persone. Il personale delle scuole e dei ristoranti pilota è tutto locale, anche per facilitare la comunicazione con i ragazzi, selezionati anch’essi sul posto da operatori delle Ong. Gli chef italiani hanno il ruolo di consulenti esterni: si recano in Etiopia periodicamente, per tenere seminari e laboratori di cucina, per supervisionare l’avviamento di un nuovo ristorante e, volendo, per donare nuove attrezzature o finanziare progetti. I ristoranti di Chefs Sans Frontières, una volta avviati, dovranno vivere dei propri ricavi come un qualsiasi ristorante “a scopo di lucro”. Gli utili saranno tutti reinvestiti localmente, nel recupero di altri ragazzi di strada.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%