logo san paolo
martedì 25 gennaio 2022
 
Più forti dell'ansia
 

Chi è stato scout ha una salute mentale migliore

11/11/2016  Lo dimostra uno studio dell'Università di Edimburgo condotto su quasi 10 mila persone nate nel novembre 1958 nel Regno Unito e che, oggi, cinquantenni, hanno meno possibilità di soffrire di ansia e disturbi dell’umore.

Si dice che lo scoutismo ti entri dai piedi e non se ne vada più o, in latino, Semel scout semper scout, ovvero se una volta sei scout lo sei per sempre. Fatto sta che chi ha fatto questa esperienza la ricorda con grande entusiasmo per le sensazioni e le esperienze che ha vissuto, dal rumore della pioggia a quelle delle foglie nel bosco, come racconta Clara Marina in un’appassionata dichiarazione d’amore 40spesibene.it. Lei archeologa molte vite fa e anche capo scout che afferma: «Tutto quello che sono l’ho imparato agli Scout».

Eppure, non tutti sanno che, oltre alle dinamiche relazionali, la capacità di adattarsi alle diverse situazioni, alla capacità di mettersi in gioco e una certa attenzione alla vita spirituale, chi da bambino è stato uno scout ha meno rischi di sviluppare malattie mentali una volta arrivato ai 50 anni. Partecipare a queste organizzazioni, in cui bisogna sviluppare qualità come il contare su se stessi, il lavoro di squadra, risolvere e desiderare di imparare, e fare molte attività all'aperto, pone le basi per un miglior benessere mentale.

È questo quanto emerge da uno studio dell'università di Edimburgo, pubblicato sul Journal of Epidemiology and Community Health. I risultati, estrapolati da una vasta ricerca condotta su quasi 10.000 persone nate nel novembre 1958 nel Regno Unito, hanno mostrato che chi apparteneva agli scout aveva una migliore salute mentale a 50 anni.

Circa un quarto dei partecipanti allo studio era stato negli scout, e aveva il 15% in meno di possibilità di soffrire di ansia e disturbi dell'umore rispetto agli altri. Le attività che si fanno in questi gruppi aiutano a sviluppare la capacità di recupero contro i comuni stress e aumentano le chance di avere più successo nella vita. Cosa che riduce le esperienze stressanti. Un dato che sorpreso per primo Chris Dibben, coordinatore dello studio: «È abbastanza sorprendente riscontrare questi benefici nelle persone molti anni dopo che hanno terminato la loro esperienza negli scout».

Multimedia
Croci di Lampedusa: gli scout le portano al Brennero
Correlati
I vostri commenti
10

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo