logo san paolo
mercoledì 28 luglio 2021
 
 

Chi ha vinto e chi ha perso veramente alle elezioni

28/09/2020  La Lega, i Cinque Stelle, il Pd e la tenuta del governo. A colloquio con il politologo e sondaggista Pietro Vento, presidente dell'Istituto Demopolis

Pietro Vento, direttore dell'Istituto Demopolis.
Pietro Vento, direttore dell'Istituto Demopolis.

Chi ha vinto e chi ha perso alle elezioni regionali del 13 e 14 settembre? Il sondaggista e politologo Pietro Vento ci aiuta a chiarire il quadro della situazione. «Al netto della Val d’Aosta», spiega il direttore dell'Istituto Demopolis, «la partita delle elezioni regionali si è conclusa con un tre a tre, che ha visto la conferma del Centrosinistra in Campania, Puglia e Toscana e il successo del Centrodestra in Veneto, Marche e Liguria. La Lega ha perso.Co0nsiderando i partiti, restano stabili 5 stelle e Pd. Fratelli d’Italia guadagna e la Lega perde. Si conferma la presenza in Italia di un elettorato liquido, variabile. I risultati mostrano comunque una sostanziale tenuta del governo Conte. Ne è convinto il 68%, mentre di parere diverso si dichiara un quinto degli intervistati. ».
Nel Pd si canta vittoria, ma se guardiamo i risultati osserviamo un dato stabile, più che in aumento.
«
E' vero, ma ricordiamoci che la formazione di Zingaretti mantiene quel consenso nonostante abbia avuto di fatto due scissioni (quella di Renzi e quella di Calenda)».
Anche I Cinque Stelle sono rimasti stabili, eppure all'indomani del voto sono volati gli stracci.
«I Cinque Stelle hanno vinto il referendum, che era una loro bandiera, cosa non da poco. Nel voto territoriale però c’è stato oggettivamente un crollo di consensi oggettivamente. Diciamo che si è consolidata una debolezza storica che si è rivelata ancora più forte. I Cinque Stelle hanno ottenuto la doppia cifra solo in Campania e in Puglia mentre nelle altre regioni il consenso si è indebolito ulteriormente».
I cattolici come hanno votato?
«Il voto dei cattolici, praticanti e non praticanti, è analogo agli italiani. Non c’è una grande differenza».
In Campania De Luca ha stravinto.
«In Campania, alle ultime regionali, su un milione e 800mila elettori odierni di Vincenzo De Luca, meno di un milione lo avevano già votato nel 2015. 53 elettori su 100. 18 avevano optato 5 anni fa per il Centrodestra di Caldoro, 9 per Valeria Ciarambino del M5S. Il flusso elettorale più significativo, 20 su 100, giunge da quanti si erano astenuti». 
Se De Luca ha vinto, Zaia ha trionfato...
«
L’Istituto Demopolis ha studiato anche la provenienza del consenso a Luca Zaia, riconfermato con un plebiscito alla guida del Veneto con 1 milione e 900 mila voti: su 100 elettori odierni, 58 avevano già scelto Zaia nel 2015. 15 elettori su 100 avevano votato i civici Tosi e Morosin, 7 Alessandra Moretti del Centro Sinistra e 9 Berti del M5S. In 11 su 100 si erano astenuti». 
La Toscana si conferma roccaforte rossa.
«Significativa appare l’evoluzione del consenso in Toscana negli ultimi 5 anni. Interessante l’analisi della provenienza del consenso al neo governatore toscano Eugenio Giani: dei suoi 860 mila elettori, poco più di 7 su 10 avevano già votato il predecessore Enrico Rossi. 4 avevano optato per la Sinistra di Fattori, 3 per il grillino Giannarelli; 21 elettori odierni su 100 di Giani nel 2015 si erano astenuti». 
La gestione dell'epidemia Covid è stata determinante nella crescita del consenso personale ai governatori uscenti.
«Eì vero. Il netto successo dei presidenti uscenti, con consensi che sono andati ben al di là dell’area politica di riferimento, è da attribuire al forte apprezzamento conquistato tra i cittadini nei mesi dell’emergenza Covid. I trend di fiducia, rilevati dall’Istituto Demopolis, appaiono particolarmente marcati nelle 3 regioni che hanno visto le vittorie con percentuali più nette dei governatori uscenti: in poco più di 8 mesi, quale effetto della gestione del coronavirus, De Luca ha guadagnato 26 punti, passando dal 39% di gennaio al 65% di settembre. Forte incremento anche per il veneto Zaia, dal 60% al 78%; crescita più misurata, di 13 punti, anche per Toti dal 40% di gennaio al 53% odierno».
Dove hanno vinto gli uomini e dove i partiti di riferimento?
«Dalle Elezioni Regionali emerge un ulteriore fattore particolarmente significativo per il successo di molti dei neogovernatori: nelle motivazioni di scelta dei cittadini il voto al presidente ha spesso prevalso sul voto al partito o coalizione: è ciò che è accaduto, con estrema evidenza, con Zaia in Veneto e con De Luca in Campania. Maggiore equilibrio nel caso di Toti in Liguria. Differente invece il contesto nelle Marche ed in Toscana, nelle quali la forza delle coalizioni ha inciso in modo più rilevante sull’elezione di Acquaroli e Giani. Decisivo infine, nella battaglia pugliese, il peso elettorale di Emiliano». 
Cosa emerge dal voto referendario dall'analisi di Demopolis?
«Sette italiani su 10 hanno scelto il sì nel referendum costituzionale del 20 e 21 settembre: sia pur inferiore alla percentuale rilevata prima dell’estate, la propensione dei cittadini alla riduzione del numero dei parlamentari è rimasta stabile nelle ultime settimane: come conferma il trend dell’Istituto Demopolis, nonostante il dibattito sui social e tra gli “addetti ai lavori”, il sì al referendum è oscillato fra il 73% del 2 settembre ed il 68% del 12 settembre fino a sfiorare il 70% nel risultato delle urne».
La Lega non ne esce bene da queste elezioni ...
«Il trend dell’Istituto Demopolis disegna l’evoluzione del consenso ai partiti negli ultimi 15 mesi: in poco più di un anno la Lega di Salvini ha perso 12 punti, passando dal 37% del luglio 2019 al 25% odierno. Resta nel complesso stabile il Partito Democratico, in lieve crescita al 21%; cresce dal 6,4 al 15,2% il consenso per Fratelli d’Italia.  Se un anno fa la distanza tra Lega e PD era di circa 16 punti, oggi si è ridotta a soli 4 punti: è la conferma dell’estrema variabilità negli umori dell’elettorato italiano». 

 

 

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 34,80 € 33,50 - 4%
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 53,90 - 14%