Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
LA RICERCA
 

Chi sono le persone più felici del mondo?

20/03/2023  Un'indagine Ipsos rivela a sorpresa che le persone più soddisfatte della propria vita sono i cinesi. Gli italiani al 25° posto nella classifica. Importante per sentirsi bene è sapere che la vita ha un significato e avere una buona rete di amicizie

Oggi si celebra la Giornata mondiale della felicità. Uno stato d'animo a cui tutti ambiscono ma che è spesso messo in crisi da difficoltà economiche, di relazione, eventi luttuosi e in casi estremi da disturbi malattie o disagi psichici. Ipsos ha svolto un'indagine in 32 Paesi del mondo i che  rivela come, in media, quasi tre persone su quattro (73%) si dichiarano felici. In particolare, i più alti livelli di felicità si registrano soprattutto in Cina (91%), Arabia Saudita (86%) e Paesi Bassi (85%), al contrario, quelli più bassi in Polonia (58%), Corea del Sud (57%) e Ungheria (50%). 
L’Italia non rientra tra i Paesi più felici al mondo, infatti, tra i 32 Paesi esaminati si colloca soltanto al 25° posto, nonostante ciò, è il 68% dell’opinione pubblica a dichiarare di essere felice. 
La felicità globale è aumentata per il secondo anno consecutivo. È di sei punti superiore a quella di un anno fa e di 10 punti superiore a quella dell'agosto 2020, pochi mesi dopo che il Covid-19 ha sconvolto la vita delle persone in tutto il mondo. L'aumento complessivo nasconde tendenze molto diverse tra le varie regioni: mentre la percentuale di persone felici dichiarate è aumentata notevolmente in America Latina, è crollata in molti Paesi occidentali. Le variazioni rispetto all'anno precedente vanno da un aumento di 26 punti in Colombia e Argentina a un calo di 13 punti in Gran Bretagna.
In media, la felicità nei Paesi a medio reddito (secondo la definizione della Banca Mondiale) ha registrato un aumento più pronunciato rispetto ai Paesi ad alto reddito. Il livello medio di felicità dei Paesi a medio reddito ha superato quello dei Paesi ad alto reddito per la prima volta da quando Ipsos ha iniziato a monitorarli nel 2011.
DI COSA SONO SODDISFATTE LE PERSONE?
A  livello globale, le persone si dichiarano più soddisfatte dei rapporti con gli amici e la famiglia, mentre sono molto meno quelle che si dichiarano soddisfatte della situazione economica e politica del proprio Paese. Tra i 30 aspetti della vita, cinque dei sei principali mostrano i più alti livelli di soddisfazione riguardano le relazioni: 1. I miei figli (se genitore) (85%) 2. Rapporto con il partner/coniuge (se ne ha uno) (84%) 3. Accesso alla natura e contatto con essa (80%) 4. Livello di istruzione (80%) 5. Rapporto con i parenti (78%) 6. Amici (78%).
I cinque aspetti di cui gli intervistati sono meno soddisfatti sono: 1. Situazione sociale e politica del Paese (40%) 2. Situazione economica del Paese (40%) 3. La propria situazione finanziaria (57%) 4. Vita sentimentale/sessuale (63%) 5. Esercizio fisico/attività fisiche (65%).
Le aree della vita di cui gli intervistati sono soddisfatti tendono a variare a seconda del livello di sviluppo economico del Paese. Rispetto ad altri aspetti della loro vita, i cittadini dei Paesi a più alto reddito tendono a essere più soddisfatti della loro sicurezza personale, dei beni materiali e delle condizioni di vita rispetto a quelli dei Paesi a medio reddito. Questi ultimi tendono a essere più soddisfatti della loro vita religiosa, della loro salute fisica e del loro aspetto rispetto ai cittadini dei Paesi più ricchi.
COSA RENDE FELICI LE PERSONE?
Ipsos ha misurato la relazione tra il livello di felicità generale dichiarato da tutti gli intervistati e il livello di soddisfazione per i 30 aspetti della vita. Ne è emerso che i primi cinque fattori di felicità sono, nell'ordine: sentire che la propria vita ha un significato, sentirsi in controllo della stessa, salute mentale e benessere, vita sociale e condizioni di vita.
ACCESSO ALLE RETI DI SUPPORTO
Sebbene la famiglia e gli amici siano tra le fonti di felicità più diffuse, un adulto su cinque non dispone di un sistema di supporto di amici o parenti su cui poter contare in situazioni difficili. A livello globale, il 72% in media afferma di avere amici o parenti su cui poter contare in caso di necessità. Gli intervistati a basso reddito, meno istruiti, non sposati e della Generazione Z hanno meno probabilità di affermare di avere accesso a reti di supporto rispetto agli intervistati a più alto reddito, più istruiti, sposati e più anziani, rispettivamente.
MOLTI SONO PESSIMISTI SUL FUTURO DELLA RICERCA DI AMICIZIE E RELAZIONI SENTIMENTALI
I risultati di questo studio sottolineano anche l'importanza degli amici e della famiglia come principale area di soddisfazione nella vita delle persone. Ma, oltre a sentire la mancanza di questi rapporti, molti ritengono che sarà sempre più difficile trovarli o mantenerli. Circa il doppio delle persone afferma che diventerà più difficile anziché più facile per i single trovare un partner romantico (43% contro 22%), per le persone trovare amici intimi (43% contro 23%) e per le coppie sposate mantenere relazioni felici (43% contro 21%). Questo pessimismo è più pronunciato tra gli intervistati Boomers e Gen X, le donne e gli intervistati non sposati, con un reddito più basso o disoccupati.

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo