logo san paolo
venerdì 03 aprile 2020
 
 

Chi votare? Ve lo dice Machiavelli

22/02/2013  Un intelligente e divertente saggio del politologo Maurizio Viroli rilegge "Il Principe" del grande pensatore, scritto 500 anni fa, ricavandone consigli per il cittadino elettore.

Un ritratto di Niccolò Machiavelli, 1469-1527 (Scala).
Un ritratto di Niccolò Machiavelli, 1469-1527 (Scala).

A pochi giorni dalle elezioni, sembra che la schiera degli indecisi sia molto nutrita, al punto da rendere incerto l'esito finale. A fronte di una campagna elettorale che, anziché chiarire le idee, sembra averle ulteriormente confuse, il cittadino può avvalersi di altri strumenti per sviluppare una riflessione che lo porti a maturare una scelta consapevole. Non provereste sollievo se, a darvi qualche orientamento, fosse ad esempio quel genio di Niccolò Machiavelli? Sì, l'autore di Il Principe, uno dei più famosi, profondi e - aggiungiamo - attuali trattati sull'arte del Governo che siano mai stati concepiti e di cui ricorre quest'anno il cinquecentenario. Maurizio Viroli ha avuto l'intuizione di rileggere il capolavoro, traendone principi utili per decidere a chi dare il poprio voto domenica e lunedì. Viroli è uno che se ne intende: è professore di Teoria politica all'Università di Princeton e professore di Comunicazione politica all'Università della Svizzera italiana (Lugano). Vale quindi la pena dare un'occhiata al suo Scegliere il princpe. I consigli di Machiavelli al cittadino elettore, pubblicato da Laterza.

Primo consiglio: prendere il manco tristo per buono. Traduzione di Viroli: «I cittadini intelligenti hanno a cuore il bene pubblico e fanno sentire la propria voce». Esegesi (nostra) della traduzione: chi non vota non fa sentire la propria voce, lascia che siano gli altri a prendere decisioni al suo posto. Non dovrebbe poi avere il diritto di lamentarsi. Inoltre, al momento di fare la propria scelta, potrebbe essere utile porsi la domanda: quale, fra i partiti, e quale, fra i candidati, si preoccupa maggiormente del bene comune (e non degli interessi privati)?

La lettura si fa avvincente con il consiglio numero due. Giudica alle mani, non agli occhi, dice Machiavelli. E Viroli commenta: «I politici si giudicano guardando i fatti e non le apparenze». Ah, quanta saggezza in questo trattato scritto cinquecento anni fa! Quindi, cari cittadini elettori, non fatevi ingannare dalle apparenze, ma guardate ai fatti, ai comportamenti effettivi di ogni candidato, sia nella sua carriera politica, sia nel corso della campagna elettorale. Raccogliete informazioni, documentatevi su quali leggi hanno sostenuto e votato, per dirne una. Nella scelta dovrebbero contare di più i valori che hanno concretamente sostenuto, che l'immagine mediatica che offrono di sé.

Saltiamo la terza raccomandazione e fermiamoci alla quarta. Una Repubblica bene ordinata debbe aprire le vie a chi cerca favori per vie pubbliche, e chiuderle a chi li cerca per vie private. Viroli: «Chi fa i favori e promette la luna vuol dominare, anche se sembra buono». Stupefacente: sembra quasi che il grande pensatore fiorentino avesse previsto il presente, forse perché i vizi degli uomini sono sempre gli stessi, al di là delle epoche. È molto interessante questo principio. Intanto perché considera legittimo cercare i proprio "favori", purché lo si faccia rispettando le leggi e in modo trasparente. Una sorta di moderna concezione di lobbyng corretta, legale. L'uomo ha diritto a perseguire il proprio interesse, il proprio bene. Il problema sorge allorché cerca di ottenerli per vie private, ovvero di nascosto, corrompendo, pagando tangenti. Viroli sottolinea un'altra implicazione del testo machiavellico: dietro ogni promessa bisogna saper intravvedere una volontà di dominio, non il desiderio di servire il bene pubblico. E su questo punto ogni cittadino avrà materia abbondante su cui ragionare...

Ci fermiamo qui, avvisando che sono 18 i consigli complessivi che Viroli desume da Machiavelli. Ora, è certo che non tutto ciò che scrisse e predicò l'intellettuale va preso per verità incotrovertibile, ben sapendo che alcune pieghe del suo pensiero non si conformano alla morale e alla Dottrina della Chiesa. Tuttavia, dalle raccomandazioni qui esposte, può scaturire qualche riflessione o qualche dubbio per un voto motivato.

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%