logo san paolo
giovedì 19 maggio 2022
 
chiesa riconsacrata
 

Iraq, a Telskuf torna a vivere la parrocchia di San Giorgio

13/12/2017  Nel 2014 è stata il primo luogo di culto cristiano nella Piana di Ninive profanato dall'Isis. E' stata restaurata grazie a un contributo di Aiuto alla Chiesa che soffre, come parte di un progetto per il ritorno dei cristiani nei villaggi abbandonati.

(Foto tratta dal sito di Aiuto alla Chiesa che soffre: la chiesa di San Giorgio a Telskuf)

L'Iraq è finamente libero dai jihadisti. Solo pochi giorni fa il primo ministro iracheno Haidar al-Abadi ha dato l'annuncio della "vittoria" contro l'Isis in tutto il Paese. Negli stessi giorni, l'Iraq ha celebrato un'altra vittoria: la riconsacrazione della Chiesa di San Giorgio (Mar Gewargis) a Telskuf (o Tesqopa), nel Nord dell'Iraq, la prima chiesa della Piana di Nivive profanata dai miliziani di Daesh. 

«Isis voleva cancellare la presenza cristiana e invece i jihadisti se ne sono andati, mentre noi siamo tornati». Sono le parole con cui monsignor Bashar Matti Warda, arcivescovo caldeo di Erbil, ha celebrato la riconsacrazione di San Giorgio, che è stata ricostruita grazie un contributo di 100mila euro da parte di Aiuto alla Chiesa che soffre (Acs), fondazione di diritto pontificio a sostegno della Chiesa nel mondo. 

La restaurazione dell'edificio religioso fa parte di un progetto più ampio di Acs per la ricostruzione dei villaggi distrutti e il ritorno dei cristiani nella Piana di Ninive. Era la notte tra il 6 eil 7 agosto del 2014 quando i jihadisti invasero i villaggi della Piana. costringendo i cristiani ad abbandonare le loro case, a Telskuf, Qaraqosh, Bartella, Batnaya, Qaramles, e a fuggire verso il Kurdistan iracheno per scampare al massacro e alla persecuzione. Si calcola che l'esodo abbia riguardato almeno 130mila persone. Case bruciate, chiese, santuari e monasteri distrutti, cimiteri profanati. L'occupazione dell'Isis ha lasciato dietro di sé un'orrenda devastazione. Il 90% dei luoghi di culto è stato raso al suolo.

Ma, dopo due anni e mezzo di occupazione, i jihadisti sono stati defintivamente cacciati, la regione è stata liberata e nella Piana già da alcuni mesi è iniziato il processo di controesodo degli abitanti per far rivivere le comunità abbandonate. Grazie al progetto di Aiuto alla Chiesa che soffre  il 33% della popolazione cristiana, più di 6.300 famiglie, sono già tornate nelle loro case. A Telskuf, villaggio a circa 30 chilometri a Nord di Mosul dove il 95% della popolazione è cattolica, il 67% delle 1.500 famiglie che vi abitavano fino al 2014 è tornato.  E ora possono contare di nuovo anche sulla loro parrocchia. «Era importante dare un segnale forte e positivo», ha detto monsignor Warda, «il restauro di San Giorgio e quindi la ripresa delle attività della Chiesa».

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo