logo san paolo
martedì 09 agosto 2022
 
TESTIMONI
 

«Ciao Bruno, il tuo sogno è il nostro: il mondo come una grande famiglia»

18/09/2017  Nel 1978, con la moglie Enrica, Bruno Volpi fondò la comunità di Villapizzone, a Milano. Fiducia, porte aperte, sobrietà, condivisione, cassa comune, sono alcune buone pratiche che ha intuito e vissuto con una vita sempre in prima fila. Un esempio tuttora valido.

«La famiglia come luogo della tenerezza». Così Bruno Volpi, in occasione del VII Incontro Mondiale delle Famiglie che si svolse nel giugno del 2012 con Benedetto XVI a Milano, definì la famiglia. Lui che ne avevamo formata una originaria con Enrica e cinque figli e che nel tempo è diventato nonno di 13 nipoti (nel 2012) e di “150 famiglie”.  

Originario di Mandello del Lario, operaio alla moto Guzzi, geometra, ha iniziato la sua ricerca di vita insieme alla moglie Enrica partendo per l'Africa nel 1963 prima coppia di volontari laici in Italia. Nel 1978, insieme ad alcuni Padri Gesuiti e a Massimo e Danila Nicolai, ha dato origine alla comunità di famiglie di Villapizzone a Milano.

Fiducia, porta aperta, sobrietà, condivisione, cassa comune, sono alcune buone pratiche che ha intuito e vissuto con una vita sempre in prima linea. Tante persone hanno trovato un lui un padre, un maestro, un compagno di strada. È stato anima e "motore" dell'Associazione Mondo di Comunità e Famiglia che oggi conta 35 comunità e 45 gruppi di condivisione in tutta Italia e della Fondazione I Care Ancora.

Instancabile, profetico, testardo, concreto, umile ha scaldato i cuori di tante persone nelle decine e decine di chiacchierate, incontri e testimonianze per cui è stato disponibile fino all'ultimo. Bruno si è spento sabato a 80 anni circondato dall'affetto di famigliari ed amici nella comunità di Berzano (Tortona).

Sul sito di Comunità e Famiglia (www.comunitaefamiglia.org) il saluto più caro. «Ciao Bruno. Con tanta gratitudine per ciò che è stato unita alla fatica per il distacco, salutiamo Bruno che ci ha indicato percorsi per una fraternità possibile. Il suo sogno: il mondo intero come una grande famiglia, in cui le relazioni, lo stile di vita e le scelte siano determinati dalla consapevolezza di essere tutti bisognosi gli uni degli altri e in grado di imparare insieme a vivere un’alternativa di famigliarità possibile. Ci hai entusiasmato, spronato, sostenuto e continuerai a farlo. Grazie Bruno»

 

La testimonianza di Bruno ed Enrica per il Family 2012.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo