logo san paolo
sabato 27 novembre 2021
 
Ddl Cirinnà
 

La piroetta di Grillo riapre i giochi su unioni civili e stepchild adoption

07/02/2016  "Libertà di coscienza", annuncia all'improvviso il leader ai parlamentari del Movimento 5 stelle. E sebbene il fine della sua mossa non fosse una messa in discussione dei nodi centrali del disegno di legge - su tutti la stepchild adoption - ma calcoli elettorali, l'effetto può rivelarsi benefico.

Con una di quelle mosse improvvise, decise dall'alto, dal direttorio che nonostante tutto resta e comanda, Grillo annuncia che il Movimento 5 stelle avrà libertà di coscienza nel voto al disegno di legge Cirinnà, che vuole regolamentare le unioni civili e prevede anche la famigerata stepchild adoption. Il tutto, dopo che Partito democratico, firmatario del ddl, e il M5S erano stati a un passo dall'accordo per votarlo in blocco. 

Nel merito, l'intervento di Grillo è apprezzabile, perché fa un passo indietro e permette - su un tema così delicato - almeno la libertà di coscienza. In questo modo, non è da escludere che l'effetto sia quello di una messa in discussione del provvedimento. E infatti Alfano e l'Ndc già reclamano che Renzi e il Pd ritornino sui loro passi e considerino sostanziali modifiche su due punti cruciali: la non equiparazione fra matrimonio e unione civile e lo stralcio della stepchild adoption (l'utero in affitto, dice Alfano, va reso addirittura reato). 

Fin qui tutto bene, dunque, perché si apre la possibilità di una seria revisione del ddl, limitandolo al riconoscimento di alcuni diritti civili e patrimoniali, espungendo le altre questioni.

Sarebbe stato bello che a muovere il Grillo - che qui ha rimesso i panni del guru politico, smettendo quelli del comico - fossero state delle questioni ideali, di principio, insomma l'affermazione di precisi valori in relazione alle questioni dell'unione fra due persone e all'adozione. Purtroppo è evidente che non è così, non è una battaglia culturale e valoriale, la sua, ma il solito giochetto politico, dettato dalla volontà di non scontentare parte dell'elettorato del M5S - quella più moderata - e di creare qualche problemino al Pd, anziché dargli una mano.

Questa è la realtà dei fatti, ma per un'eterogenesi dei fini può accadere che una mossa ispirata a un calcolo puramente elettorale produca effetti benefici nel cammino della legge Cirinnà.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo