Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 21 giugno 2024
 
 

Immigrazione: rifugiati in aumento

26/07/2012  Secondo l'ultimo rapporto dell'Istat, i cittadini non comunitari in Italia sono oltre 3,6 milioni. Diminuiscono i permessi per lavoro, crescono quelli per asilo e motivi umanitari.

Arrivano soprattutto da Marocco e Albania, da Cina, Ucraina e Filippine. Sono i cittadini non comunitari presenti in Italia: secondo il nuovo rapporto dell'Istat, sulla base dei dati forniti dal ministero dell'Interno, al 1° gennaio 2012 se ne contavano 3.637.724. Dal documento emerge che dal 2011 al 2012 il numero dei cittadini extracomunitari nel nostro Paese è aumentato di circa 102 mila unità. In crescita, in particolare, è la quota dei soggiornanti di lungo periodo: l'anno scorso erano 1.638.734, nel 2012 sono arrivati a 1.896.223. Tra le prime dieci cittadinanze rappresentate, la quota dei soggiornanti di lungo periodo  è molto rilevante per Albania, Marocco e Tunisia (oltre il 60%) e si concentra in modo particolare nelle regioni del Centro-Nord.

Rispetto al 2011, sono aumentati i bambini, che rappresentano il 23,9% degli stranieri non comunitari presenti in Italia. In crescita anche i minori di 18 anni nati nel nostro Paese: sono ormai più di 500mila, quasi il 60% del totale. Una cifra considerevole, che evidenzia quanto sia urgente la riforma della legge sulla cittadinanza.

Un dato significativo rilevato dal rapporto dell'Istat è che, da un lato, sono in diminuzione i nuovi flussi, così come i nuovi permessi rilasciati per lavoro (oltre il 65% in meno); dall'altro lato crescono i permessi per asilo e motivi umanitari: nel 2010 i rifugiati erano appena l'1,7% del totale degli immigrati non comunitari, nel 2011  - dopo le Primavere arabe e i grandi cambiamenti in Nord Africa e Medio Oriente - sono balzati all'11,8%. Tre Nazioni coprono oltre il 50% dell'immigrazione per asilo e ragioni umanitarie: Tunisia, Nigeria e Ghana.

In generale, si nota che la maggior parte dei cittadini non comunitari arrivati nel 2007 a gennaio 2012 sono ancora regolarmente presenti. Circa il 20% di loro, però, ha rinnovato il permesso in una provincia diversa da quella dove soggiornava all'inizio. Segno, dunque, che anche fra gli immigrati si è affermata una significativa tendenza alla mobilità. 

Alcune province, comunque, dimostrano un'elevata capacità di trattenere i cittadini stranieri: fra queste, Bolzano in primis, poi Genova, Aosta, Imperia, Trento. Tra le prime dieci posizioni si attestano anche Milano e Roma. Le province considerate, invece, di passaggio? Sono tutte al Sud, da Crotone a Caltanissetta, da Foggia a Potenza.

Com'è noto, il variegato mondo del volontariato, dalle Caritas parrocchiali e diocesane alle Conferenze di San Vincenzo, dalla Comunità di Sant'Egidio ad altre realtà ancora, è impegnato nell'aiutare le frange più problematiche ed emarginate degli immigrati. 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo