Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 luglio 2024
 
solidarietà
 

City Angels, il raduno a Milano, la città dove sono nati

07/10/2022  Per la prima volta gli stati generali dell'organizzazione umanitaria si tengono nella metropoli. Il fondatore Mario Furlan: «Era giusto farlo, per ricordare da dove è partita la nostra storia». I progetti per l'Ucraina

Mario Furlan.
Mario Furlan.

Per la prima volta nei loro 28 anni di storia il raduno annuale dei City Angels si terrà a Milano, la città dove sono nati. Domenica 9 ottobre, presso la Società Umanitaria, il primo istituto filantropico milanese fondato nel 1893. «Era giusto farlo, per ricordare la nostra storia e il fatto che tutto sia partito da Milano», spiega il fondatore Mario Furlan. L’anno scorso il raduno si è tenuto a Bergamo, città martire della pandemia, dove i volontari in basco blu hanno moltiplicato i loro sforzi durante il lockdown assistendo centinaia di persone chiuse in casa e tenendo aperte due mense per i poveri. Dal 2010 fino al 2019 il raduno si era tenuto a Rimini; e prima, quando gli Angeli erano ancora pochi, si svolgeva nel convento di Bedonia, sull’Appenino parmense.

Era il 1994 quando Mario, giovane giornalista che lavorava alla Mondadori con Alfonso Signorini, mollò tutto per dare vita ad un’associazione molto particolare. Di volontari in divisa, che aiutassero chiunque abbia bisogno sulla strada: senzatetto, ma anche cittadini in difficoltà e vittime della criminalità. Così sono nati i City Angels che oggi operano in 20 città italiane e in tre svizzere. Quest’anno è stato particolarmente duro per i City Angels. «Pensavamo di avere visto il peggio nel 2020, quando è esplosa la pandemia; ma adesso siamo messi peggio, e le prospettive non sono incoraggianti – ammette Furlan. – Certo, nella primavera di due anni fa ci siamo trovati a fronteggiare un mostro sconosciuto. Ma sapevamo che, prima o poi, avremmo superato quel momento difficile. Adesso, invece, con il conflitto in Ucraina, il rischio di guerra nucleare, il rincaro dei prezzi e la scarsità di materie prime, si è diffusa la paura del futuro. Oltre ad aiutare i senzatetto sulla strada portiamo anche pacchi alimentari a famiglie povere; spesso ci parlano del loro incubo di non poter pagare le bollette, non potersi mantenere e, addirittura, di finire per strada».

Da quando, il 24 febbraio, Putin ha attaccato l’Ucraina, i City Angels di molte città si sono subito attivati per mandare beni di prima necessità a quella terra martoriata. O per ospitare ucraini in Italia. Alcuni volontari sono andati in Polonia, e in Ucraina, con camion carichi di beni. E sono tornati scossi nell’animo. E’ una scossa, un piccolo choc, simile a quello che ogni volontario di strada dovrebbe provare quando incontra un bisognoso. Anche dopo tanti anni, e dopo averne visto migliaia di clochard, ogni volta che ne vedo uno è una piccola sofferenza. Perché nessuno dovrebbe essere costretto a dormire per strada. Proprio per questo ormai da 11 anni abbiamo aperto centri d’accoglienza per senzatetto: a Milano, Monza e Varese. E facciamo di tutto perché stiano bene non solo fisicamente, con buon cibo e un letto accogliente, ma anche psicologicamente. Li accogliamo come nostri fratelli sfortunati: con amore, a braccia aperte. E il loro grazie è il nostro premio più bello.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo