Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
 

Classico o casual: lui vestirà così

16/06/2010  Dall'eleganza della giacca sartoriale al blazer destruttuturato, dal jeans finto vintage ai giubbini in tessuto tecno: ecco come vestirà l'uomo nel 2011

Classico o casual: così vestirà lui  Ama vestire confortevole. Quando sceglie una giacca elegante la preferisce destrutturata o solo semi-costruita, dall'aria già vissuta, quasi fosse un pezzo vintage. Il gentleman del 2011, secondo le nuove tendenze dettate a Pitti Immagine dai più importanti marchi della moda maschile, sceglie un'idea di lusso autentica, solo a tratti formale, con un forte richiamo agli anni '60 e '70


COSI' L'UOMO CLASSICO

Per lo stile più classico l'ispirazione va al Gene Kelly di Un americano a Parigi, con un  guardaroba leggero, blazer lavati abbastanza morbidi, camicie stampate, quadri, microdisegni e righe, foulard in seta dalla fantasia micro. In una palette che spazia dal bianco e nero, indaco, azzurro

   Questi i capi più ambiti: la giacca stile country in tessuto tecnico, i giubbini di cotone e nylon dalla aria già usata, giacche e cardigan in leggero lino o cotone e i pantaloni dal taglio asciutto.

   Il diktat è: disinvoltura, libertà di movimento: i pesi della camiceria contagiano il mondo delle giacche, dei blouson e dei pantaloni maschili. Trionfano il lino e il jersey. Per uno stile decontracté.

   Ai piedi: francesine, pantofole, mocassini o driver (le scarpe da guida con fondo in gomma). La francesina è spesso bicolore, mentre il mocassino è morbido, cucito a mano.

   Il registro cromatico è doppio: neutro o colore. Focus sui toni del beige, panna, navy, grigio per esaltare la perfezione dei tessuti. E se per le cerimonie vige lo scuro, le palette più brillanti vestono le polo, le T-shirt e le cravatte: turchese, rosso ciliegia, azzurro.


PER CHI VESTE INFORMALE

Uno stile confortevole per un uomo che ama gli sport del mare, l'equitazione e il mondo delle corse, ma è a suo agio anche tra i ritmi scanditi dalla metropoli.

   Focus sul lifestyle americano, una suggestione che passa dal vecchio workwear, lo stile da lavoratore retrò, e arriva al Texas, mantenendo comunque una forte accezione vintage. Si confermano le camicie in stile cowboy, lanciate lo scorso inverno da Levi's e Abercrombie & Fitch, ma anche quelle floreali e in denim morbido. Piccoli foulard o meglio bandane sono elementi immancabili come accessori.

Il tempo libero si ispira alle divise dei campus, allo spirito di squadra (anche sull'onda dei Mondiali di calcio in Sudafrica) e ai pezzi basic dello sportswear più genuino. Dalla classica polo in piquet con numeri e applicazioni alle felpe gym che richiamano l'appartenenza a team di calcio, polo, rugby e persino baseball.

Il giubbino antivento, superleggero e dal minimo ingombro, spesso anche reversibile, è un pezzo che non può mancare nel guardaroba dello sportivo. Meglio se in nylon o tecno-tessuto. Infine, continuano a piacere ai giovanissimi le T-shirt con disegni ispirati ai graffiti metropolitani.

E PER L'UOMO ALL'AVANGUARDIA?

Con la valigia sempre pronta per un nuovo viaggio, si lascia attrarre dalle atmosfere cubane e coloniali, che si intrecciano a calibrate incursioni army. Presente tra l'altro a Pitti Immagine, per la prima volta, anche la collezione di Esercito Italiano, con linee ispirate alle diverse forze armate e giubbotti costruiti con gli ex paracadute dismessi della Folgore. In passato, la presentazione delle collezioni di questo marchio molto giovane e dedicato anche alle ragazze venivano fatte all'interno dei Circoli Ufficiali. Con i generali che chiudevano un occhio a questa voglia di "arruolarsi" perlomeno con l'abbigliamento. 

   L'uomo sempre al passo con i tempi veste giubbini in nappa morbidissima anche in stile biker anni '60, sceglie gilet effetto seta, maglieria in cachemire super leggero. Immancabili per lui, i capi stampa camouflage e la borsa da postino. Infine, al collo, al posto della cravatta, sciarpe e moderne kefiah. 




 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo