logo san paolo
martedì 30 novembre 2021
 
Giornata mondiale dell'ambiente
 

Clima, che cos'è l'accordo di Parigi

05/06/2017  L'impegno del mondo per il clima, dalle misure per contrastare il riscaldamento globale, all'aiuto ai Paesi fragili

La terra ha la febbre da tempo, il surriscaldamento del pianeta e lo sfruttamento delle sue risorse non sono senza prezzo. L'uomo, dopo aver percepito il pianeta come un giardino dell'Eden da spremere all'inifinito, è costretto a prendere coscienza del fatto che il succo - acqua potabile compresa -  non è una riserva inesauribile e che i cambiamenti climatici - cui concorre l'inquinamento -, paventati dalla scienza da molti decenni, cominciano ad affacciarsi rappresentando un pericolo per il pianeta e per chi lo abita. A partire da questa faticosa presa di coscienza, nel dicembre del 2015, sei mesi dopo che sul tema era intervenuto anche Papa Francesco con l'enciclica Laudato si, oltre 190 Paesi hanno raggiunto, dopo lunga gestazione, un accordo sul clima.

L'accordo di Parigi è stato firmato il 22 aprile 2016, in occasione della Giornata mondiale della Terra, alle Nazioni Unite a New York da 175 Paesi. Le regole per la sua entrata in vigore (avvenuta il 4 novembre 2016) prevedevano che venisse ratificato da almeno 55 Paesi che rappresentassero almeno il 55% delle emissioni di gas serra. L'Italia lo ha ratificato il 27 ottobre, giusto in tempo per l'inizio della Cop22 in Marocco. E ora gli Stati Uniti, che all'epoca della firma l'avevano sostenuto ora potrebbero chiamarsi fuori dall'impegno preso dal mondo per contenere l'emissione dei gas serra e contrastare il riscaldamento globale. 

Ma che cosa dice l'accordo? Quali impegni si sono presi i Paesi che l'hanno sottoscritto?

RISCALDAMENTO GLOBALE - L'articolo 2 dell'accordo fissa l'obiettivo di restare "ben al di sotto dei 2 gradi rispetto ai livelli pre-industriali", con l'impegno a "portare avanti sforzi per limitare l'aumento di temperatura a 1,5 gradi".    

OBIETTIVO A LUNGO TERMINE SULLE EMISSIONI - L'articolo 3 prevede che i Paesi "puntino a raggiungere il picco delle emissioni di gas serra il più presto possibile", e proseguano "rapide riduzioni dopo quel momento" per arrivare a "un equilibrio tra le emissioni da attività umane e le rimozioni di gas serra nella seconda metà di questo secolo".

IMPEGNI NAZIONALI E REVISIONE - In base all'articolo 4, tutti i Paesi "dovranno preparare, comunicare e mantenere" degli impegni definiti a livello nazionale, con revisioni regolari che "rappresentino un progresso" rispetto agli impegni precedenti e "riflettano ambizioni più elevate possibile". I paragrafi 23 e 24 della decisione sollecitano i Paesi che hanno presentato impegni al 2025 "a comunicare entro il 2020 un nuovo impegno, e a farlo poi regolarmente ogni 5 anni", e chiedono a quelli che già hanno un impegno al 2030 di "comunicarlo o aggiornarlo entro il 2020". La prima verifica dell'applicazione degli impegni è fissata al 2023, i cicli successivi saranno quinquennali

PAESI VULNERABILI - L'accordo prevede un articolo specifico, l'8, dedicato ai fondi destinati ai Paesi vulnerabili per affrontare i cambiamenti irreversibili a cui non è possibile adattarsi, basato sul meccanismo sottoscritto durante la Cop 19, a Varsavia, che "potrebbe essere ampliato o rafforzato". Il testo "riconosce l'importanza" di interventi per "incrementare la comprensione, l'azione e il supporto", ma non può essere usato, precisa il paragrafo 115 della decisione, come "base per alcuna responsabilità giuridica o compensazione"

FINANZIAMENTI - L'articolo 9 chiede ai Paesi sviluppati di "fornire risorse finanziarie per assistere" quelli in via di sviluppo, "in continuazione dei loro obblighi attuali". Più in dettaglio, il paragrafo 115 della decisione "sollecita fortemente" questi Paesi a stabilire "una roadmap concreta per raggiungere l'obiettivo di fornire insieme 100 miliardi di dollari l'anno da qui al 2020", con l'impegno ad aumentare "in modo significativo i fondi per l'adattamento"

TRASPARENZA - L'articolo 13 stabilisce che, per "creare una fiducia reciproca" e "promuovere l'implementazione" è stabilito "un sistema di trasparenza ampliato, con elementi di flessibilità che tengano conto delle diverse capacità".

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo