logo san paolo
martedì 26 ottobre 2021
 
 

Cocciante: "Quando Bella senz'anima diventò un inno rivoluzionario"

04/07/2013  Dopo la fortunata esperienza in Tv a "The voice of Italy", il cantautore è uscito con un cofanetto che raccoglie oltre quarant'anni di carriera. "Ma nel mio cuore ci sono ancora i profumi di Saigon dove sono nato".

Riccardo Cocciante (Ansa)
Riccardo Cocciante (Ansa)

Nella hall di un albergo, Riccardo Cocciante parla per quasi un’ora e mezza degli oltre quarant’anni di carriera racchiusi nei quattro Cd che compongono il cofanetto Sulle labbra e nel pensiero, uscito dopo la sua partecipazione al talent show The voice of Italy  vinto da una "sua" cantante, l’albanese Elhaida Dani. Seduta poco distante, l’inseparabile moglie/manager francese Cathy Boutet ascolta con discrezione. Poi, quando ci alziamo dal tavolino, si avvicina al marito e gli sussurra qualche frase in francese. «Mi ha detto che forse ai lettori di Famiglia Cristiana può interessare sapere cosa penso di papa Francesco. Io sono credente, ma mi sono allontanato dalla Chiesa perché la percepivo sempre più come una struttura di potere. Questo Papa invece mi ha conquistato: con i suoi gesti, con la sua semplicità, credo che potrà riavvicinare alla pratica religiosa tanti come me».

Torniamo alla musica. Nel cofanetto c’è una canzone poco nota, Indocina, che per Cocciante è importantissima, perché parla delle sue radici. «Ho raccontato a Enrico Ruggeri, che poi ha scritto il testo, la mia infanzia trascorsa a Saigon, in Vietnam, dove sono nato da padre italiano e madre francese. È stato un periodo molto bello, tanto che quando a 11 anni ci siamo trasferiti a Roma, ho sofferto un po’. Lì ero abituato a un tripudio di colori, di odori, la gente è generosissima e così, anche se sembra incredibile, trovavo l’Italia e gli italiani troppo chiusi, grigi». Il giovane Riccardo cresce nella Roma degli anni ’60, muove i primi passi nel mondo della musica, per tirare su qualche soldo lavora in un albergo e ha già una montagna di riccioli in testa. «Un giorno mi chiesero di tagliarmeli e questo mi fornì il pretesto per prendere la decisione di provarci seriamente con la musica». Dopo qualche tentativo poco fortunato ma molto interessante, come si può ascoltare nei Cd, Cocciante si afferma con canzoni che raccontano di amori disperati come Bella senz’anima, Era già tutto previsto, Quando finisce un amore, in cui impone la sua vocalità rabbiosa. «In quelle canzoni c’era tutto il mio stato d’animo di quegli anni: la timidezza mi paralizzava nei rapporti con gli altri. Con la musica allora urlavo il bisogno di farmi ascoltare».

L’urlo di Bella senz’anima, che da noi scatenò l’ira delle femministe, in Spagna e nei paesi Sudamericani afflitti dalle dittature assunse un significato completamente diverso: «Diventò un canto rivoluzionario, specie in Cile, dove ancora oggi è molto popolare», rivela il cantautore che mai avrebbe immaginato che grazie alla sua voce una sua canzone potesse essere accostata ai brani degli Inti Illimani. L’altra canzone simbolo della sua carriera, Margherita, ha rischiato di non essere mai pubblicata. «Feci ascoltare i brani del mio nuovo 33 giri all’arrangiatore, il futuro premio Oscar Vangelis. L’ultimo era Margherita. Lui mi chiese se ero davvero convinto d’inciderla: non gli piaceva e neppure io ne ero molto convinto. Era il periodo di massima politicizzazione della musica e pensavo che una canzone così melodica non potesse avere successo. Così mi presentai dal direttore della Rca, Ennio Melis e gli spiegai le nostre perplessità. Lui appena la ascoltò disse che non solo sarebbe diventata il mio nuovo singolo, ma che il 33 giri si sarebbe intitolato Concerto per Margherita. Fu un grande successo che mi insegnò una lezione fondamentale: l’artista non è mai il miglior giudice delle proprie opere. Ha sempre bisogno di qualcuno che gli indichi la strada. Questo ruolo da molto tempo lo esercita mia moglie: è una giudice severissima, ma indispensabile».

Sempre Ennio Melis qualche anno dopo ebbe un’altra grande intuizione: organizzare un tour mettendo insieme artisti che più diversi non si può: Riccardo Cocciante, Rino Gaetano e il gruppo progressive New Perigeo. «Conservo bellissimi ricordi di Rino. Sul palco ci scambiavamo le canzoni: lui interpretava A mano a mano e io la sua Aida che ora potete ascoltare nel cofanetto». Altre chicche sono le interpretazioni pianoforte e voce dei brani più significativi di Notre Dame de Paris e di Giulietta e Romeo, le due opere popolari con cui ha riempito i teatri di mezzo mondo.

«Nel mio cassetto ora ho tante cose: potrei incidere un’altra opera, o un nuovo disco di canzoni. Potrei tornare anche a fare qualche concerto, ma solo se ne sentirò la necessità. Non mi va di sentirmi ingabbiato: per questo, anche se ho vinto, non tornerò mai più a Sanremo come concorrente e difficilmente rifarò The voice of Italy. È stata una bella esperienza, anche se all’inizio mi sentivo un pesce fuor d’acqua: al pubblico a casa e un po’ anche ai cantanti che si presentavano apparivo un po’ altezzoso. Con il tempo credo di aver dimostrato che non è così, è solo la timidezza che mi trascino dietro, e spero di essere riuscito a lanciare un messaggio per me importante: la musica è cultura, non si improvvisa, richiede un impegno totale».

Per tanto tempo il suo principale schermo contro la timidezza è stato il pianoforte: «Non mi alzavo mai durante i concerti. È stata una conquista recente. Ma il rapporto strettissimo con il pianoforte è rimasto. Ogni giorno è come se gli parlassi, gli confido tutte le mie sensazioni. Non posso farne a meno». Anche a The voice of Italy si è esibito al pianoforte in duetto con Gianna Nannini, prima con Bella senz’anima e poi con Sei nell’anima della cantautrice senese. Il duetto è cliccatissimo su Internet: «Gianna mi ha detto che Bella senz’anima era un suo cavallo di battaglia quando da ragazza cercava di farsi strada. Mi sono trovato molto a mio agio con una rocker come lei perché è la musica con cui sono cresciuto, da Jimi Hendrix ai Led Zeppelin. E anche ora mi diverto un mondo ad ascoltare gruppi come i Metallica. Il mio sogno sarebbe indossare una maschera e ricominciare da zero, cantando in una band così. Perché in fondo, ho un’anima rock».

Qui sotto, il duetto fra Riccardo Cocciante ed Elhaida Dani sulle note di Margherita a The voice of Italy

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%