logo san paolo
giovedì 11 agosto 2022
 
Parliamone insieme
 
Credere

Col Vangelo, sempre dalla parte delle vittime

03/08/2022  Con il suo viaggio apostolico in Canada papa Francesco ha avvicinato con coraggio e umiltà la storia di sofferenza dei popoli indigeni nelle cosiddette “Scuole Residenziali” dirette da cristiani

Cari amici lettori, mentre scrivo si è concluso da poco il “pellegrinaggio penitenziale” di papa Francesco – così egli stesso ha definito il suo viaggio apostolico in Canada, di cui troverete un resoconto più puntuale alle pagine 6-11. Motivo del viaggio del Papa, in tre tappe tra il 24 e il 30 luglio, sono state le violenze, gli abusi e i maltrattamenti, in nome di un’assimilazione “culturale” imposta con la forza, subiti da migliaia di bambini dei popoli indigeni, ritenuti inferiori, nelle cosiddette scuole “residenziali” del Paese, di cui metà in mano a istituzioni cattoliche.

Un vero orrore, emerso un anno fa con il ritrovamento di numerose tombe con resti di bambini. Un viaggio delicato, all’insegna della vergogna e del dolore di ciò che è potuto accadere per opera anche di cristiani. Eppure, alla non tenera età di 85 anni e nonostante gli acciacchi del fisico – è costretto a muoversi in carrozzella per un problema al ginocchio – il Pontefice non si è tirato indietro. Una lezione di coraggio, di franchezza, di chi non si sottrae a situazioni scomode e dolorose. Una lezione di umiltà evangelica, di preghiera, di parole di verità alle delegazioni dei popoli indigeni canadesi, di richiesta di perdono, additando strade per la guarigione della memoria e la riconciliazione.

Tutto questo con la consueta capacità umana di empatia, di ascolto, di vicinanza, senza schermi e autodifese. Ancora una volta papa Francesco ci insegna che, di fronte alle sofferenze e alle ingiustizie, anche quelle perpetrate da uomini e istituzioni di Chiesa, l’atteggiamento che più coerentemente risponde al Vangelo è sempre quello di mettersi dalla parte delle vittime.

Sono le vittime che hanno bisogno di “difesa”, a loro la Chiesa deve chiedere perdono con vergogna, sono loro che devono essere accompagnate per ritrovare quella dignità che è stata calpestata. Non è la Chiesa o l’istituzione religiosa che deve essere difesa per salvaguardare la “faccia”. Indossando il copricapo tradizionale degli indigeni, papa Francesco si è messo al livello degli interlocutori. Metaforicamente e realmente si è messo nei loro panni con le parole di san Paolo, si è «fatto debole per i deboli, per guadagnare i deboli» e «ha pianto con chi piange».

È venuto «come amico, come fratello, come pellegrino», come ha detto in uno degli incontri. Ha mostrato – con i gesti e le parole – come si affrontano le situazioni “spinose” nella vita della Chiesa: con la verità e con coraggio. Senza paure e senza incertezze. Tra i tanti viaggi di Francesco, questo in Canada mi è sembrato tra i più commoventi. Un’immagine di quello che la Chiesa è chiamata ad essere in questo tempo se vuole essere credibile: non “difendere” se stessa, ma essere vicina alle vicende degli uomini e delle donne, alle loro «gioie e tristezze» come si esprimeva Gaudium et spes, portando loro la vicinanza di Cristo, che non ha temuto di avvicinarsi agli ultimi per sanare, riabilitare, portare vita dove c’era morte.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo