logo san paolo
sabato 28 maggio 2022
 
 

Com'è possibile che Dio soffra?

27/09/2012 

Il teologo Frosini scrive che Dio soffre per la sua creatura. In realtà non è vero, perché Dio, eterna vita e felicità infinita, non soffre e non può soffrire.

Valerio T. - Ancona


Sulla sofferenza di Dio esiste oggi una diffusissima letteratura. I molti autori che ne ammettono la possibilità si rifanno ai numerosi testi della Bibbia che della sofferenza di Dio parlano chiaramente e disinvoltamente. La concezione della divinità ereditata dalla filosofia greca imponeva alla vecchia riflessione di interpretare questi testi metaforicamente, come se si trattasse di antropomorfismi da evitare accuratamente perché Dio, vivente nella sua eternità felice, come lei ripete nella sua domanda, «non soffre e non può soffrire». La teologia sta da tempo ripensando a questa soluzione e ha cercato di andare oltre, come ha fatto anche Benedetto XVI nella sua enciclica Spe salvi, che afferma testualmente: «La fede cristiana ci ha mostrato... che Dio – la Verità e l’Amore in persona – ha voluto soffrire per noi e con noi» (n. 39). Il testo va preso per intero: la sofferenza divina non proviene dalla mancanza di qualcosa come succede in noi, ma da una scelta libera di amore e di condivisione, che rende certamente più umano e più attuale il Dio di Gesù Cristo

Tag:
I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo