Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
dossier
 

Il cardiologo: «Perché camminare fa bene..»

06/11/2016  In occasione del "walking day" (6 novembre) il cardiologo Gianfranco Parati, spiega perchè camminare è un'attivita che porta beneficio al cuore e alla salute in generale.

Stanno prendendo, letteralmente piede tra l’esercito dei runner, anche i più tranquilli walker cioè i “camminatori”. Uomini e donne di ogni età che nelle città o, i più fortunati nella natura, praticano il walking e ne traggono beneficio. Sempre più gli esperti sottolineano che camminare tutti i giorni è parte delle strategie per ridurre il rischio di eventi cardiovascolari. Gianfranco Parati, primario di cardiologia all’Auxologico di Milano, docente unoversitario e presidente della Società italiana ipertensione spiega alcuni punti saldi riguardo questa pratica sportiva alla portata di tutti:

  • Il walking può portare grandi benefici al cuore, non però se fatto solo nei weekend. Deve essere al contrario fatto tutti i giorni, o almeno 5 giorni alla settimana, per almeno 30-60 minuti. 

  • Il walking determina un consumo maggiore di calorie, aiutando a mantenere il peso forma e a controllare i livelli di glicemia, colesterolo, trigliceridi. 

  • Il walking migliora la circolazione periferica con dilatazione dei vasi sanguigni periferici e un aiuta a tenere controllata la pressione arteriosa nel caso sia alta. Si tratta di un miglioramento della circolazione periferica e coronarica: il sangue può trovare nuove strade per superare eventuali placche da aterosclerosi.

  • Infine, prima di intraprendere una regolare attività di walking è però sempre opportuno effettuare i seguenti test: visita dal proprio cardiologo con elettrocardiogramma a riposo (il cardiologo potrà a questo punto chiedere eventuali altri test, quale un ecocardiogramma color Doppler, quando necessario), test da sforzo, esame del sangue per emocromo, elettroliti, creatinina, glicemia.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo