Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
Finisce la scuola
 

«Sono mamma, lavoro e temo le vacanze: come organizzare il tempo libero in famiglia?»

08/06/2022  «Sono una mamma, con due figli, lavoro a tempo pieno. Tra poco finisce la scuola e arrivano le vacanze. L’anno scorso avevo molto apprezzato i corsi estivi. Ora sono un po' preoccupata: il Ministero concederà i fondi per realizzarli? Io ci spero...»

Sono una mamma di due bambini che vanno alle elementari, lavoro a tempo pieno e con le scuole ormai agli sgoccioli inizio a pensare con preoccupazione ai prossimi tre mesi e a come organizzare il mio lavoro e i bimbi a casa. L’anno scorso avevo molto apprezzato i corsi estivi che erano stati attivati dall’istituto comprensivo dove vanno i miei figli, ma visto che per il momento tutto sembra tacere, mi chiedevo se anche quest’anno il Ministero metterà a disposizione dei fondi per organizzarli.

VANESSA

— Cara Vanessa,risposta affermativa! Anche quest’anno il Ministero ha attivato il piano scuola Estate dal titolo molto rasserenante: “Volgere in positivo le difficoltà, #La scuola d’estate 2022”. Con l’auspicio del ministro Bianchi «che le nostre scuole diventino una seconda casa per i bambini e i ragazzi, capace di accogliere tutti e ciascuno secondo le proprie condizioni». È questa l’idea di una scuola oltre la scuola: non più un anno scolastico che inizia a settembre e finisce a giugno, ma che in ogni periodo dell’anno è pronta ad accogliere.

Non a caso tra le note della circolare leggiamo che per volgere in positivo la realtà e la vita delle persone occorre più scuola. Più scuola non significa ancora lezioni ma, a seconda dei cicli scolastici, laboratori d’arte, musica, sport, scrittura creativa, giochi matematici. L’idea del piano Estate è partita l’anno passato per riattivare le relazioni dopo la pandemia, quest’anno il focus, oltre alla socialità, al rinforzo delle competenze, al sostegno alle fragilità educative, è anche quello di dare un’opportunità ai bambini e ragazzi ucraini, che proprio in questi mesi sono stati ospitati nelle nostre classi, di sentirsi accolti e supportati in questo loro difficile momento. Per questo progetto sono stati stanziati 300 milioni di euro che verranno distribuiti tra quelle scuole che organizzeranno, secondo la loro discrezionalità e autonomia, le attività estive in sinergia con le organizzazioni del territorio: associazioni, Terzo settore ed enti locali. Il piano prevede tre fasi: una a giugno, una a luglio-agosto e una a settembre.

L’anno passato sono state 7 mila le scuole che hanno aderito al progetto tra cui, mi sembra di capire, pure quella dei tuoi figli, e si spera che aumentino le adesioni. Anche quest’anno, quindi, cara Vanessa, potrai contare sulla scuola estiva, con la speranza che il piano Estate diventi un investimento strutturale e duraturo non basato su bandi e finanziamenti da “guadagnarsi”. In un Paese dove l’inverno demografico si fa sempre più duro, sarebbe davvero incoraggiante non doversi domandare all’inizio di ogni estate: e adesso come faccio con i bambini?

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo