Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
Il teologo
 

Come pregare: "Ave Maria" oppure "Rallegrati, Maria"?

07/01/2021  Un lettore ci scrive: «Perché nella preghiera alla Madonna non si è messo "Rallegrati, Maria" al posto di "Ave Maria"?». Risponde don Silvano Sirboni

ANDREA C. - Poiché siamo in tempi di cambiamenti, perché nella preghiera alla Madonna non si è messo «Rallegrati, Maria» al posto di «Ave Maria»?

La più recente traduzione italiana della Bibbia (2008), superando tutte le versioni precedenti (ave, salve, ti saluto...), ha reso finalmente giustizia all’originale greco (= kàire) traducendo «Rallegrati, piena di grazia» (Lc 1, 28). Si tratta, infatti, di un preciso invito alla gioia con il quale i profeti avevano annunciato quella salvezza messianica che in Maria trova compimento (cfr. Sof 3, 14-15). Né in passato, né ora, si è ritenuto opportuno cambiare la formula del saluto angelico che da secoli, riprendendo la versione latina (che tale rimane!) risuona sulle labbra dei cristiani fin da piccoli e che ha dato vita a tante altre espressioni di preghiera mariana, anche in canto. Diverso è il caso del Padre Nostro, la cui traduzione letterale del testo latino in italiano conduceva sovente a una scorretta interpretazione sull’agire di Dio.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo