Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
 

Famiglia, ripensarla in tempo di crisi

15/04/2012  Di fronte al consumo sfrenato, all'individualismo e all'indifferenza occorre rivalutare il legame tra famiglia, festa e lavoro. Lo dicono due sociologi della Cattolica di Milano.

Diritto al godimento individuale, narcisismo esasperante e rapporti strumentali segnati dall’indifferenza. Ecco i “tasselli” chiave che danno vita alla crisi evidente della società attuale. A sostenerlo con convinzione sono Chiara Giaccardi e Mauro Magatti, coniugi e docenti di Sociologia all’Università Cattolica di Milano. I due esperti, tra le pagine dell’articolo Ripensare la famiglia in tempi di crisi, apparso sul n. 2/2012 di Famiglia Oggi, analizzano i tratti tipici dei grandi problemi di questo tempo e ipotizzano che il loro superamento richieda un vero e proprio “cambiamento di rotta”. Da perseguire ripartendo dallo stretto legame che esiste tra la famiglia, il lavoro e la festa. Solo da questo fondamentale intreccio, infatti, emerge con limpida chiarezza la natura “relazionale” dell’essere umano e del “vivere sociale”, unica dimensione capace di restituire unità alla stessa esperienza umana.

A quanto pare, però, la contemporaneità non ha fatto altro che attribuire ampio valore al “consumo” e al “possesso”, credendo di costruire la felicità dell’uomo sulla sua presunta autonomia e indipendenza, invece che fondarla sulla relazione con gli altri e con l’Altro. Consumo spregiudicato e individualistico che ha deturpato anche il senso profondo della festa: «quest’ultima», precisano i due sociologi, «spogliata della sua dimensione collettiva e, soprattutto, della sua componente di sacralità viene colonizzata dal consumo, dato che le persone, senza rendersene conto, continuano a lavorare producendo reddito attraverso la loro attività di acquisto. La dimensione sacra, rifiutata nella sua veste religiosa, riemerge … nella forma dei pellegrinaggi alle “cattedrali di consumo”, nelle ritualità guidate dai nuovi esperti (gli idoli del momento, i guru delle ultime tendenze), nella partecipazione di massa ma individuale alle cerimonie calcistiche, all’inizio dei saldi, al concerto delle star». Si può ben immaginare, dunque, come il lavoro e la vita familiare siano seriamente minacciati da questa deriva che, nel suo avanzare, tende a far percepire gli altri solo come funzionali a sé e al proprio piacere, e non come beni e valori in sé.

«Rimettere al centro dell’attenzione la famiglia», continuano i due sociologi, «significa riuscire a rimettere in discussione il modo in cui il lavoro e la festa vengono definiti nell’attuale modello di sviluppo. Vuol dire trovare un punto di riferimento sicuro per liberare questi ultimi due ambiti espressivi dalle riduzioni e dalle derive che hanno assunto nella contemporaneità». È il clima respirato in famiglia, quindi, a far riscoprire l’impegno e la dedizione non solo come valori orientati verso sé stessi e la propria realizzazione professionale, ma anche, e soprattutto, come rivolti all’altro e al legame che insieme a lui si costruisce.

Un legame che si nutre della gioia, non vista come puro intrattenimento o ricerca ossessiva del godimento, ma come riconoscenza e reciproco riconoscimento, oltre che come apertura all’essere pienamente umani aprendoci all’Altro.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo