Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
 

Come si paga l'Irpef in cinese?

18/07/2011  Non si paga: gli immigrati dalla Cina in Italia sono i maggiori evasori di tasse di tutt’Europa

Di tutti i cinesi che vivono in Europa la comunità italiana è quella che evade di più le tasse, in particolare hanno una bassa fedeltà verso imposte Ires, Irap, Irpef, Iva e tributi locali. L'evasione fiscale cinese stimata e' di circa 35 miliardi di euro.  

A Prato, su un campione di 100 dichiarazioni dei redditi presentate da confezionisti cinesi per il 2010 è emerso che a fronte di 200mila euro di imposte da pagare, l'Agenzia delle entrate non ha riscosso nulla, mentre a Napoli, in un noto quartiere dove si combatte una faida di camorra, sono state rilevate ben 9.300 imprese, tra individuali e società di capitali, su un totale di 15.000 esistenti e la gran parte di queste sono riconducibili a imprenditori cinesi, che gestendole tramite prestanome, non pagano regolarmente le tasse. In quasi tutte le ditte cinesi controllate nel primo semestre del 2011 sono state trovate irregolarità che hanno portato a sanzioni amministrative ed in molte di queste sono state riscontrate anche violazioni penali.  

Questo è quanto risulta dalla nuova inchiesta condotta dall'Associazione Contribuenti Italiani, elaborando dati della Polizia tributaria, dell'Amministrazione finanziaria, delle Camere di Commercio e de Lo Sportello del Contribuente, presente nelle principali città d'Italia. Le aziende cinesi operano in tutti i settori industriali, tra cui l'abbigliamento, la produzione di detersivi e i giochi. Non solo tessile di Prato, meccanica fine di Vicenza e Treviso, mobile della Brianza.

Spiega Vittorio Carlomagno, presidente dell'Associazione Contribuenti Italiani: «Analizzando i dati emerge che nei distretti dove la comunità cinese è maggiormente presente, e' stato rilevato un indice di evasione fino al 98%. Bisogna subito rafforzare i poteri di verifica e controllo fiscali conferendo poteri di Polizia tributaria ai Vigili urbani e ai Carabinieri. Da sola la Guardia di Finanza non può fronteggiare un'evasione così diffusa. E per arginare questo fenomeno proponiamo di non rinnovare il permesso di soggiorno a tutti gli immigrati che non risultano in regola con il pagamento di imposte e contributi».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo