Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
 

Come si svolgerà il Sinodo dei vescovi

03/10/2015  Saranno 270 i padri sinodali. Modalità e numeri del XIV Sinodo generale dei vescovi.

Sono in totale 270 i padri sinodali che dal 4 al 25 ottobre partecipano ai lavori del 14esimo Sinodo ordinario dei vescovi sul tema: “La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo”. Di essi 42 sono ex officio( i Capi dei 15 Sinodi dei Vescovi delle Chiese Orientali Cattoliche sui iuris; i Capi di 25 Dicasteri della Curia Romana; il Segretario Generale e il Sotto-Segretario), 183 sono stati eletti dalle rispettive conferenze episcopali e 45 sono di nomina papale. 

I padri sinodali provengono da tutti e cinque i continenti:  54 dall’Africa, 64 dall’America, 36 dall’Asia, 107 dall’Europa e 9 dall’Oceania.

Tra i 270 Padri sinodali si contano: 74 Cardinali (tra cui 1 Patriarca Cardinale e 2 Arcivescovi Maggiori), 6 Patriarchi, 1 Arcivescovo Maggiore, 72 Arcivescovi (tra cui 3 titolari), 102 Vescovi (tra cui 6 Vescovi Ausiliari, 3 Vicari Apostolici e 1 Emerito,), 2 sacerdoti Parroci e 13 Religiosi.

Inoltre, prenderanno parte a questa Assemblea sinodale altri invitati provenienti da diverse culture e nazioni: 24 Esperti o Collaboratori del Segretario Speciale, 51 Uditori e Uditrici, 14 Delegati Fraterni. Al Sinodo parteciperanno anche 18 coppie, 17 tra gli Uditori e una tra gli Esperti.

Saranno presenti anche i cosiddetti delegati fraterni come rappresentanti di altre Chiese e comunità ecclesiali.

Per quanto riguarda il metodo, su richiesta degli stessi padri, sarà dato più spazio al dibattito. Meno congregazioni generali, allora, e più "circoli minori", cioè piccoli gruppi divisi linguisticamente composti da una ventina di membri per dare a tutti la possibilità di parlare più diffusamente. I circoli saranno in tutti 13: uno di lingua tedesca, due italiani, quattro in inglese, tre di spagnolo e tre di francese

I padri sinodali hanno come base di discussione l'Instrumentum laboris (che è costituito dalla relazione finale del precedente Sinodo straordinario) integrato dalle osservazioni pervenute alla segreteria del Sinodo in questo anno. Non ci sarà la Relatio post disceptationes, ma i circoli minori, che si riuniranno ogni settimana, produrranno 39 relazioni (tre per circolo) che saranno distribuite anche alla stampa.

La commissione per la Relazione finale seguirà ogni fase dei lavori.

Sarà papa Francesco a decidere se la relazione finale sarà resa pubblica come avvenuto lo scorso anno. 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo