logo san paolo
martedì 18 gennaio 2022
 
 

Cometa, supernova o astri?

24/12/2013  Che cosa guidò i Magi venuti da Oriente? Le possibili risposte della scienza.L'ipotesi più probabile? Una congiunzione fra Giove e Saturno, avvenuta nel 7 avanti Cristo.

Che cosa, quale oggetto celeste era la cometa che guidò i Re Magi? Isaia parla di una grande luce che illuminò il popolo che camminava nelle tenebre. La tradizione popolare cerca in questa luce una cometa e, anzi,  tende ad identificarla con la famosa cometa di Halley, quella che  rivedemmo nel 1986 e che era già stata osservata  nel 1301 da Giotto il quale la utilizzò come modello per la sua Adorazione nella cappella degli Scrovegni  a Padova. Lui non sapeva nulla di oggetti celesti e semplicemente inserì nel suo dipinto ciò che aveva visto nei cieli attribuendole il ruolo di  messaggera di buone novelle.

In seguito l'astronomia ha calcolato che l'apparizione di Halley più prossima alla nascita del Redentore deve essere avvenuta nel 12 a.C.  Poichè, come sappiamo, la data della Natività è collocata intorno al 6 a.C., ne segue che non fu lei a guidare i tre sapienti. Anzi, non siamo neppure sicuri che a guidarli sia stata una cometa. Per molto tempo si è parlato  di una stella supernova esplosa di colpo nei cieli, che è un evento assai raro. Tuttavia la supernova registrata dai cinesi, che erano già astronomi accurati, è del 4 d.C. 

Qualcuno oggi riprende il pensiero di Keplero secondo cui si sarebbe trattato di una congiunzione fra Giove e Saturno, avvenuta nel 7 a.C. Si tratta di un fenomeno non rarissimo, ma che sviluppa una grande luce. 

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo