logo san paolo
domenica 05 dicembre 2021
 
 

Comunione al calice

12/07/2012 

Perché noi cattolici accostandoci alla comunione assieme al pane non possiamo bere anche il sangue di Cristo?

Paolo - Genova

Per ragioni pratiche, poi giustificate anche teologicamente, fra il XII e il XIII secolo la comunione al calice nella Chiesa occidentale fu preclusa ai laici e riservata al solo sacerdote celebrante; non senza aspri dibattiti soprattutto con le confessioni cristiane sorte dal protestantesimo. Superato lo scontro polemico, la riforma liturgica del Vaticano II, dal 1965, ha ripristinato la comunione al calice anche per i fedeli laici senza per questo sminuire la comunione con il solo pane, che resta la prassi più diffusa. La comunione al calice è una possibilità largamente prevista dal Messale Romano (n. 85). La sua concreta applicazione è lasciata al giudizio del vescovo locale e dei pastori delle singole comunità che, secondo le diverse situazioni, ne devono valutare l'opportunità o meno. Dal punto di vista del segno la comunione al calice evoca più chiaramente i gesti di Gesù e dei suoi discepoli durante l'ultima cena. Tuttavia, anche alla luce della più antica tradizione, la partecipazione al solo pane, come al solo vino, esprime e realizza la piena comunione sacramentale con il Risorto.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo