Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
Educazione sessuale
 

Comunità LGBT: la fatica di spiegarla nelle classi di religione

12/04/2022  «Sono una mamma e un'insegnante di religione e constato con rammarico che ai ragazzi non viene fatta una vera educazione sessuale. E loro vogliono sapere che cosa ne penso del movimento Lgbt oppure dichiarano di sentirsi pansessuali, omnisessuali, bisessuali, omosessuali. Faccio una gran fatica»

Sono mamma e insegnante di religione in una scuola media. Amo il mio lavoro e incontro ogni settimana 350 ragazzi. Parlando con loro e con i loro genitori e partecipando ai consigli di classe constato quanto sia necessaria un’educazione all’affettività e alla sessualità. In particolare, nell’ultimo biennio noto un aumento di ragazzi che hanno dubbi sulla loro identità di genere e sul loro orientamento sessuale. Molti studenti vogliono sapere che cosa ne penso del movimento Lgbt oppure dichiarano di sentirsi pansessuali, omnisessuali, bisessuali, omosessuali. Quando mi raccontano i loro dubbi, io cerco sempre di essere accogliente e di ascoltarli ma non nego di fare una gran fatica, perchè queste domande mi mettono in difficoltà. Molti di loro si informano soprattutto online e a me sembra che queste letture facciano crescere dentro di loro ancora più confusione. Infine, mi pare che i genitori spesso non vigilino su quello che i figli leggono e vedono su internet.

LUCIANA 

Gentile Luciana, alle scuole secondarie di primo grado tutte le questioni associate alla sessualità esplodono in modo intenso e spesso caotico. I ragazzi affrontano i molti cambiamenti che vivono nel loro corpo e che accadono nei loro gruppi di appartenenza con curiosità, ma anche pieni di dubbi e domande. Quelle relative all’orientamento sessuale e alle questioni di genere da sempre riguardano circa un terzo dei preadolescenti, che oggi però scelgono l’online come principale fonte di informazione ed educazione sessuale.

Nell’online non trovano adulti attenti e competenti, desiderosi di accogliere i bisogni e i dubbi dei ragazzi e di mettere a loro disposizione quel supporto scientifico, emotivo e psicologico di cui necessitano. Così molto spesso i ragazzi – partendo da domande e dubbi che sono più che leciti alla loro età – si trovano a cercare risposte e conferme all’interno di siti pornografici e di chat con persone sconosciute. Spesso a 12 e 13 anni ricevono informazioni, consigli e suggerimenti che sarebbero adeguati qualche anno più tardi, ma che in preadolescenza non sono fase-specifici e possono provocare ulteriore confusione, oltre che brusche accelerazioni nella sperimentazione di agiti sessuali.

La cosa che serve ai nostri preadolescenti è un mondo adulto che non si spaventa di fronte a temi che solo pochi anni fa erano considerati tabù, ma anche che li sappia affrontare con competenza. Forse il messaggio che più occorre ai giovanissimi oggi è che di fronte a certe domande e dubbi – assolutamente adeguati in questa fase dello sviluppo – è importante darsi un tempo lungo per trovare le risposte che ci servono e ci fanno bene. Il rischio altrimenti è quello di fare Tutto troppo presto, titolo di un mio manuale per genitori del terzo millennio (De Agostini) dove affronto questi temi con una prospettiva educativa e preventiva.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo