Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
ricerca
 

Con lo sport l'Africa diventa una buona notizia

26/05/2022  Il Rapporto “L’Africa Mediata 2022”, realizzato dall’Osservatorio di Pavia per Amref Italia, spiega che le Olimpiadi e la Coppa d'Africa hanno offerto nei media un'immagine migliore del continente. In corso una campagna contro gli stereotipi

L’Africa, un continente di 54 paesi e abitato da oltre un miliardo e 100 milioni di persone, è ancora troppo poco raccontato dall’informazione italiana. Nei telegiornali “la percentuale di notizie rimane molto bassa e l’attenzione sporadica e transitoria”, rileva il Rapporto “L’Africa Mediata 2022” realizzato dall’Osservatorio di Pavia per Amref Italia (parte della più grande ong africana fondata a Nairobi nel 1957, che si occupa di salute in Africa). Pier quanto riguarda i quotidiani, su sei testate analizzate fra il 1 marzo 2021 e il 28 febbraio 2022, l’Africa è apparsa in media, ogni mese, 16 volte. Per il 68 per cento si tratta di notizie che raccontano “l’Africa qui” (cioè relative  all’Italia e ad altri Paesi occidentali), mentre il restante 34 per cento racconta “l’Africa là”, con notizie che riguardano soprattutto la guerra e il terrorismo (con la vicenda dell’uccisione dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere di scora Vittorio Iacovacci nella Repubblica Democratica del Congo).

Ma lo sport prova a offrirne un'immagine diversa dell’Africa. Per l’edizione 2022 del Rapporto, un approfondimento speciale è stato dedicato a due eventi sportivi: i Giochi Olimpici di Tokyo e la Coppa d'Africa. Sotto la lente anche i profili social delle squadre di A, per monitorare le tematiche dell’identità e della lotta al razzismo. L’Africa nei Giochi Olimpici di Tokyo è stata analizzata attraverso tre tipi di media (programmi tv, stampa, social network di atlete/i di origine africana). Su 384 atleti della delegazione italiana, 21 avevano origine africana o afroamericana. Negli occhi l’immagine della pallavolista  Paola Egonu, al momento della sfilata inaugurale con la bandiera del CIO, o le vittorie nell’atletica leggera di Marcell Jacobs (100 metri e staffetta 4x100) ed Eseosa Fostine Desalu (staffetta 4x100), che, secondo  il report, sono occasione per esibire l’immagine di un’Italia aperta, che sa offrire opportunità a tutti. Nel complesso, la narrazione sportiva ha dimostrato di saper restituire un’immagine dell’Africa e degli africani o afrodiscendenti molto più favorevole rispetto a quella che domina in altre cornici informative. I principali temi correlati alla narrazione sportiva degli atleti italiani afrodiscendenti sono l’accoglienza, l’inclusione sociale e la multiculturalità.

La Coppa d’Africa di calcio “ha ricevuto per la prima volta un’ottima copertura giornalistica”, con un racconto in cui spicca “l’assenza di stereotipi” sul calcio africano. Tra i 70 atleti africani e afrodiscendenti che giocano in Serie A, sono 4 quelli che ricoprono ruoli da protagonista nei profili Instagram delle 20 società: Osimhen, Abraham, Koulibaly, Kessié. Le rappresentazioni di questi giocatori non si differenziano da quelle degli altri. I canali social delle società sportive non veicolano luoghi comuni e stereotipi, ma potrebbero sfruttare maggiormente le proprie potenzialità per raggiungere vasti pubblici e promuovere apertamente messaggi e iniziative contro il razzismo.

"Lo sport dei Giochi Olimpici ci ha mostrato un'Italia diversa, dove gli afrodiscendenti erano parte integrante della nazionale italiana, contribuendo a importanti medaglie. Ma quanto quell'immagine così forte e diffusa riflette la nostra realtà?" si chiede Paola Crestani - Presidente di Amref Health Africa in Italia -. “Non possiamo accettare l'idea che gli africani e afrodiscendenti possano essere ben visti solo quando vincenti. Quel divario tra immagine in mondovisione della nostra Italia multietnica e quella reale, dove una legge di cittadinanza langue da anni, deve essere colmata. Il cambiamento è in atto, cresce come crescono i bambini afrodiscendenti nelle nostre classi. Quanto possiamo ancora rifiutarci di vederlo, costringendo ad un limbo quei bambini e quei giovani in cerca d’identità e diritti? Il nostro obiettivo, come Amref, è contribuire all'inclusione e combattere le discriminazioni, con azioni di comunicazione, sensibilizzazione e progetti sul territorio. Lo sport e i media sono degli alleati potenti”.

Amref, con il patrocinio del CONI, ha lanciato la campagna “Non serve un campione, per battere gli stereotipi”. La campagna - da cui è nato uno spot, realizzato dai registi Marcello e Luca Lucini – sta passando attraverso i canali Rai, grazie al sostegno di Rai per il Sociale, e La7 nella settimana 23-29 maggio. Alla campagna prestano il volto Giovanni Soldini (navigatore), Raphaela Lukudo (velocista), Alessandro Florenzi (calciatore), Paolo Dal Molin (Olimpico di Atletica Leggera), Max Sirena (skipper e Team Director Luna Rossa Prada Pirelli Team), Giancarlo Fisichella (pilota F1 GT Endurance), Francesco Gambella (canoista), Felix Afena-Gyan (calciatore), Martin Castrogiovanni (rugbista), Daisy Osakue (discobola e pesista), Hervè Barmasse (alpinista),Maria Benedicta Chigbolu, Olimpica di Atletica leggera;Danielle Madam, atleta; A.S.D. Pallamano B. Cellini Padova.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo