Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 luglio 2024
 
 

Sant'Egidio a Sarajevo, città-martire

08/07/2012  Dal 9 all'11 settembre l'Incontro mondiale per la pace si terrà nella capitale bosniaca, a 20 anni dall'inizio del sanguinoso assedio. L'invito rivolto ai giovani tra i 18 e i 25 anni.

Come ogni anno la Comunità di Sant’Egidio organizza l’Incontro internazionale di preghiera per la pace. L’anno scorso, in occasione del decimo anniversario dell’attentato alle Torri Gemelle di New York, l’appuntamento è stato a Monaco di Baviera, con una tre giorni davvero intensa dal titolo “Bound to live together. Religioni e culture in dialogo”. Quest’anno puntuale, dal 9 all’11 settembre, centinaia di leader religiosi di tutte le confessioni, dai Balcani e dal resto del mondo, uomini di cultura e responsabili della società civile, su invito della Comunità di Sant’Egidio e del cardinale Vinko Puljic, arcivescovo di Sarajevo, si daranno appuntamento nella capitale bosniaca per affrontare i temi del mondo contemporaneo e della convivenza in un luogo simbolo della storia contemporanea.


La capitale della Bosnia è una città-martire, oggi simbolo di pace, protagonista del più lungo assedio dell'età contemporanea, durato ininterrottamente dall’aprile 1992 fino al "cessate il fuoco" dell'ottobre 1995 e ai successivi accordi di Dayton (ma, ufficialmente, il governo bosniaco disse che finì davvero solo il 29 febbraio 19969). L'assedio terminò con un pesantissimo bilancio di vittime: stando alle stime più attendibili, i morti furono 12 mila e i feriti oltre 50 mila. L'85 per dei quali delle vittime era costituito da civili: molte le donne e tanti i bambini. La città, infine, era interamente da ricostruire.

Per questo appuntamento la Comunità di Sant’Egidio, insieme ad Agesci Regione Lombardia – Progetto Sarajevo e Acli/Ipsia, organizzano un viaggio per giovani tra i 18 e i 25 anni. Un'occasione unica per entrare personalmente nel vivo delle grandi questioni del nostro tempo.

Ecco il programma diffuso in questi giorni:

7 settembre – partenza in treno da Milano (9,35) per Trieste; visita della città; partenza in pullman per Sarajevo (ore 20,00)
8 settembre
– Arrivo a Sarajevo; sistemazione; visita della città con alcuni testimoni
9 settembre –
Messa in cattedrale; nel pomeriggio inaugurazione dell’incontro internazionale di dialogo per la pace; partenza in pulmann per Kravica.
10 settembre
– Kravica: incontro con testimoni; Potocari: visita del memoriale del genocidio di Srebrenica e incontro con testimoni; ritorno a Sarajevo.
11 settembre
– Tavole rotonde; Preghiera delle religioni; cerimonia finale dell’incontro internazionale di dialogo per la pace; partenza per Milano
12 settembre
– Arrivo a Trieste e rientro in treno a Milano.

Occorre munirsi di documento valido per l’espatrio (passaporto o carta d’identità). Il costo del viaggio è di 250 euro, per il pernottamento occorre portare sacco a pelo e materassino.

Per informazioni: Comunità di S.Egidio – Stefano Pasta; stefanopasta@gmail.com - 338.73.36.925

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo