logo san paolo
martedì 07 dicembre 2021
 
dossier
 

Concistoro: l'abbraccio dei due Papi

14/02/2015  "I cardinali siano perni fondati sulla carità", ha detto Bergoglio. Il Papa sceglie l'Inno alla carità come lettura-guida per la celebrazione nella quale vengono creati 20 nuovi cardinali. Presente Ratzinger.

Dei venti nuovi cardinali manca solo, a motivo dell’età avanzata (95 anni) il cardinale José de Jesús Pimiento Rodríguez, arcivescovo emerito di Manizales, in Colombia (vedi le biografie complete). Nella basilica di San Pietro il Papa, alla presenza anche di Benedetto VI, impone le berrette cardinalizie e sceglie, come lettura guida della celebrazione l'inno alla carità. Nella Chiesa, infatti, spiega papa Francesco, «ogni presidenza proviene dalla carità, deve esercitarsi nella carità e ha come fine la carità. Anche in questo la Chiesa che è in Roma svolge un ruolo esemplare: come essa presiede nella carità, così ogni Chiesa particolare è chiamata, nel suo ambito, a presiedere nella carità» (leggi il testo integrale dell'omelia).
Perché i cardinali siano «cardine, dunque non qualcosa di accessorio, di decorativo, che faccia pensare a una onorificienza, ma un perno, un punto di appoggio e di movimento essenziale per la vita della comunità» occorre lasciarsi guidare dalle parole ispirate dell’apostolo Paolo.
Il Papa elenca le caratteristiche della carità, «magnanima e benevola». E spiega che, «quanto più si allarga la responsabilità nel servizio alla Chiesa, tanto più deve allargarsi il cuore, dilatarsi secondo la misura del cuore di Cristo. Magnanimità è, in un certo senso, sinonimo di cattolicità: è saper amare senza confini, ma nello stesso tempo fedeli alle situazioni particolari e con gesti concreti. Amare ciò che è grande senza trascurare ciò che è piccolo; amare le piccole cose nell’orizzonte delle grandi». Il Papa ricorda il motto latino che è sulla tomba di Sant'Ignazio di Loyola «Non coerceri a maximo, contineri tamen a minimo divinum est» (Non esser costretto da ciò ch'è più grande, essere contenuto in ciò ch'è più piccolo, questo è divino), e sottolinea che bisogna «saper amare con gesti benevoli. Benevolenza è l’intenzione ferma e costante di volere il bene sempre e per tutti, anche per quelli che non ci vogliono bene».
Non deve esserci invidia, non deve esserci orgoglio, anche se siamo tutti umani e «anche le dignità ecclesiastiche non sono immuni da questa tentazione. Ma proprio per questo, cari Fratelli, può risaltare ancora di più in noi la forza divina della carità, che trasforma il cuore, così che non sei più tu che vivi, ma Cristo vive in te. E Gesù è tutto amore».
E, seguendo il passo di San Paolo, il Papa parla ancora della carità che «non manca di rispetto, non cerca il proprio interesse», anche quando tale interesse può essere ammantato di nobili rivestimenti.
La carità «non si adira, non tiene conto del male ricevuto». Difficile per un pastore che è sempre a contatto con le persone e per il quale non mancato le occasioni di arrabbiarsi. Ma anche in questo, è la cartà che «ci libera dal pericolo di reagire impulsivamente, di dire e fare cose sbagliate; e soprattutto ci libera dal rischio mortale dell’ira trattenuta, “covata” dentro, che ti porta a tenere conto dei mali che ricevi. No. Questo non è accettabile nell’uomo di Chiesa. Se pure si può scusare un’arrabbiatura momentanea e subito sbollita, non altrettanto per il rancore. Dio ce ne scampi e liberi!».
Il Papa torna sul tema delle ingiustizie e ricorda che «chi è chiamato nella Chiesa al servizio del governo deve avere un forte senso della giustizia, così che qualunque ingiustizia gli risulti inaccettabile, anche quella che potesse essere vantaggiosa per lui o per la Chiesa. E nello stesso tempo "si rallegra della verità": che bella questa espressione! L’uomo di Dio è uno che è affascinato dalla verità e che la trova pienamente nella Parola e nella Carne di Gesù Cristo».
E infine Francesco indica il programma della vita spirituale e pastorale. Un programma contenuto nelle quattro parole della lettera di Paolo: «La carità "tutto scusa, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta».
Solo così si ppotrà essere «persone capaci di perdonare sempre; di dare sempre fiducia, perché piene di fede in Dio; capaci di infondere sempre speranza, perché piene di speranza in Dio; persone che sanno sopportare con pazienza ogni situazione e ogni fratello e sorella, in unione con Gesù, che ha sopportato con amore il peso di tutti i nostri peccati».

Multimedia
Papa Francesco e papa Benedetto insieme al Concistoro
Correlati
Card. Ravasi: La mia idea di cultura
Correlati
Papa Francesco e papa Benedetto insieme al Concistoro
Correlati
I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo