Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
OVADA
 

Confraternite, sfilano fede e devozione popolare

16/09/2022  Il 17 e il 18 settembre, nel centro dell'Alto Monferrato, si danno appuntamento le Confraternite del Piemonte, della Liguria e della Lombardia. Presente anche il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo emerito di Genova, già presidente della Conferenza episcopale italiana (Cei).

Sabato 17 e domenica 18 settembre, ad Ovada, importante centro agricolo (ma non solo) dell'Alto Monferrato, in provcincia di Alessandria, ma in diocesi di Acqui Terme, si ritrovano le Confraternite di Piemonte, Liguria e Lombardia. La sede è stata scelta per comodità logistica, visto che i facili collegamenti atuostradali con i capoluoghi e le città delle tre regioni coinvolte. L'evento è patrocinato, tra gli altri, dalla Regione Piemonte, dal Comune di Ovada, dalla diocesi di Acqui Terme, da Lions e Rotary, e dalla Città metropolitana di Alessandria (l'ex provincia).

«È bene richiamare l'importanza storica delle Confraternite», suggerisce Flavio Ambrosetti, stuodioso di arte e di tradizioni locali. «Sono associazioni di fedeli che esercitano carità e pietà cristiana con l'intento di vivere e testimoniare la fede. A differenza delle Congregazioni i loro membri non vivono insieme e non emettono voti. Devono avere uno Statuto che fissa le regole interne e i rapporti sociali, un titolo e un nome.Sulla loro natura e sulla loro storia molti esperti hanno compiuti sturi e ricrche. Ad Ovada, ad esempio, val la pena ricordare il lavoro della scrittrice Paola Toniolo Piana che ha tra l'altro compiuto una puntigliosa indagine sul periodo del XIV e del XV secolo. Le confraternite avevano scopo penitenziale ,in seguito assunsero quello caritativo ed assistenziale per pellegrini poveri ,malati, orfani,carcerati,prigionieri dei Turchi,condannati a morte,ragazze povere cui fornire la dote. Dopo il riordino operato da sanCarlo Borromeo (1538 -1584) divennero prevalenti le attività di culto».

Altre informazioni e ulteriori approfondimenti sono accessibili, ad Ovada, visitando la mostra sulla storia delle Confraternite allestita il 17 e il 18 settembre  presso la loggia San Sebastiano. Sabato 17 settembre, poi, alle 16, alla Loggia di San Sebastiano, incontro dei giovani confratelli delle tre Regioni partecipanti con i giovani della diocesi di Acqui Terme sul tema: Realtà e prospettive delle Confraternite oggi. Visita agli oratori cittadini (San Giovanni Battista e Santissima Annunziata). Momento di preghiera. Alle 21 nell'Oratorio della Santissima Annunziata(al quale appartenne giovinetto Paolo Daneo poi canonizzato nel 1867 da Papa Pio IX) concerto d'organo con i maestri Fabrizio Callai e Francesca Caneva.

Domenica 18 settembre alle 9,30, in piazza Assunta, saluto delle autorità religiose (interviene il parroco, don Maurizio Benzi) e civili (parla il sindaco, Paolo Lantero). Segue la concelebrazione eucaristica  presieduta dal vescovo di Acqui Terme, monsignor Luigi Testore. Quindi, l'attesa processione nelle vie e nelle piazze del centro storico di Ovada. Alle 16,30, nella chiesa parrocchiale dell'Assunta Vespri solenni presieduti dal cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo emerito di Genova e già presidente della Conferenza episcopale italiana. Infine, adorazione e benedizione.

Un programma intenso.Dal 1591, Ovada ha come patrono san Giacinto, domenicano di Cracovia.Patrono è anche, dal 1867, san Paolo della Croce, nato ad Ovada, fondatore delle Congregrazione dei Passionisti e delle monache di clausura Passioniste presenti in un Monastero ad Ovada. Il 1° ottobre è il centenario dell' istituzione ovadese.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo