Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
 

Corno d'Africa allo stremo

07/10/2011  Il Papa dona 400 mila euro, la Chiesa in totale 60 milioni di euro. Ma bisogna fare di più. Il punto sugli aiuti in Vaticano. Il dramma della Somalia.

 Il Papa ha dato donato 400 mila euro e la Chiesa cattolica di tutto il mondo arriverà a  60 milioni di euro, di cui la metà già raccolti con offerte e donazioni. Ma  l’attenzione della Chiesa e della Santa Sede circa crisi alimentare che sta mettendo in ginocchio il Corno d’Africa si trasforma anche in una denuncia alla quale si associa anche il capo della Chiesa anglicana, l’arcivescovo di Carterbury Rowan Williams, che la definisce  “un’incriminazione dolorosa per il mondo”, in una lettera inviata al Papa.

Dopo i due   appelli alla comunità internazionale sulla crisi nel Corno d’Africa del Papa, il primo il 17 luglio e il secondo mercoledì scorso, il punto sull’impegno dei cristiani è stato  in Vaticano dal Pontifico consiglio Cor Unum, alla fine di una riunione nei giorni scorsi nella sede di Caritas internationalis. Attualmente la Chiesa cattolica sta aiutando 1 milione di persone su 13 milioni e mezzo soprattutto in Somalia, Etiopia, Kenya e Gibuti. Il vescovo di Gibuti e amministratore apostolico di Mogadiscio Giorgio Bertin ha assicurato che “gli aiuti arrivano a destinazione”. Il cardinale Robert Sarah, capo di Cor Unum, ha lanciato un appello alla comunità internazionale, perché non si fermi all’emergenza e ha chiesto “Una scuola in ogni villaggio”.

L’incontro è stato anche l’occasione per fare il punto sulla tragica situazione della Somalia con toni accorati da parte monsignor Giorgio Bertin. Bertin ha spiegato che la “comunità internazionale deve raddoppiare gli sforzi per far fronte alla carestia, ma deve anche impegnarsi di più per trovare una soluzione al dramma somalo, dove la mancanza di autorità e dello Stato aggrava ogni cosa”: “Dopo ben 15 conferenze internazionale con piuttosto scarsi i risultati comunque non si può rinunciare a cercare una soluzione”.  

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo