Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
 

Corriere Immigrazione: le ragioni contro il reato

11/07/2013 

Non c'è una sola ragione per chiedere l'abolizione del reato di clandestinità, ma tante:  la sua insostenibilità etica (l'idea che un uomo o una donna - e perché no, un bambino - possa essere illegale in sé, e non per le sue azioni, va contro la morale laica e quella religiosa, ma anche contro il diritto); la sua inutilità (non è servito allo scopo dichiarato, non ha reso l'Italia un Paese più sicuro né ha fermato gli sbarchi o gli ingressi irregolari); la sua ambiguità (è servita solo a rinsaldare il consenso elettorale leghista); i suoi effetti collaterali (aumento della spesa pubblica, sofferenze e maggiore ricattabilità per le persone direttamente coinvolte, complicazioni per tutte le altre...). L'elenco potrebbe allungarsi  e arricchirsi di considerazioni sui Cie, sul caporalato, sulla tratta...

In condizioni normali, tutte queste ragioni - obiettive, misurabili, concrete - avrebero dovuto produrre una convergenza trasversale delle forze politiche sulla richiesta di abolizione. E i promotori dei vari pacchetti sicurezza  e della "cattiveria trasformata in legge" avrebbero dovuto scusarsi per il danno prodotto, facendosi  da parte.
Ma le condizioni, lo sappiamo, non sono normali. A un ministro che dice che questo abominio deve essere eliminato viene tappata la bocca. Il Papa è applaudito a Lampedusa ma anche invitato a farsi i fatti suoi. Chi, tra i parlamentari, pone la necessità di una nuova legge sull'immigrazione, viene ignorato. Intanto, nell'indifferenza  generale, vengono rinnovati gli accordi bilaterali con La Libia.

Allora tocca ad altri soggetti, i giornali per esempio, prendere l'iniziativa e portare avanti le battaglie politiche. E' un'anomalia, non ci piace, ma non possiamo che prenderne atto. Agire di conseguenza non è un segno di gradimento ma di realismo. Teniamo i piedi per terra, i cuori in alto e aderiamo anche noi di Corriere Immigrazione (www.corriereimmigrazione.it) alla campagna promossa da Famiglia.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo