logo san paolo
giovedì 26 maggio 2022
 
 

Il corvo vaticano non vola più

25/05/2012  A disposizione della magistratura vaticana una persona trovata "in possesso illecito di documenti riservati". Trovato il corvo che ha diffuso le lettere al Papa?

E' stato confermato dalla Sala stampa vaticana il fermo di una «persona in possesso illecito di documenti riservati». Padre Federico Lombardi, direttore della Sala stampa ha spiegato che questa persona «è ora a disposizione della magistratura vaticana per ulteriori approfondimenti».

La Gendarmeria vaticana aveva avviato la sua attività di indagine «secondo istruzioni ricevute dalla Commissione cardinalizia e sotto la direzione del Promotore di Giustizia Nicola Picardi» dopo che documenti riservati di Benedetto XVI erano stati divulgati alla stampa. In particolare il riferimento è al libro di Gianluigi Nuzzi, Sua Santità. Le carte segrete di Benedetto XVI, nel quale il giornalista ha pubblicato i Vatileaks, i documenti e le lettere provenienti da una fonte interna al Vaticano. La persona fermata, secondo l’Ansa che si basa su sue fonti d’Oltretevere, sarebbe l’aiutante di camera della famiglia pontificia,  Paolo Gabriele.

Lo scorso 16 marzo monsignor Angelo Becciu, sostituto della Segreteria di Stato aveva spiegato, in una intervista all’Osservatore romano, che la Segreteria aveva disposto una indagine che riguardava tutti gli organismi della Santa Sede. Il Papa aveva anche incaricato una “superiore commissione” di far luce sulla vicenda. Il 25 aprile, poi, la Santa Sede aveva precisato che «a seguito della recente divulgazione in televisione, sui giornali e in altri mezzi di comunicazione di documenti coperti dal segreto d`ufficio, il Santo Padre ha disposto la costituzione di una Commissione Cardinalizia, per un’indagine autorevole che faccia piena luce su tali episodi».

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo