Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 luglio 2024
 
stasera in tv
 

Cosa c'è da sapere sulla quinta stagione di Rocco Schiavone

05/04/2023  Torna su Rai 2 con quattro nuovi episodi il vicequestore di Aosta interpretato da Marco Giallini

A partire da mercoledì 5 aprile, in prima serata su Rai 2, tornano Marco Giallini e “Rocco Schiavone” con la quinta stagione della fiction che ha fatto conoscere ed amare il ruvido vicequestore romano, spedito a esercitare il proprio talento investigativo ad Aosta. Una città bellissima, ma troppo lontana e diversa da Roma perché Schiavone possa decidersi ad apprezzarla. Anzi, la vive come una continua punizione per gli errori del passato.

L’appuntamento di stasera, prima di quattro puntate, riprende il filo del racconto dal drammatico finale dell’ultima stagione e restituisce Schiavone reduce dalla grave ferita inflittagli per errore dall’agente D’Intino. Quel colpo di pistola gli è costato un rene, ma non impedisce al vicequestore di riprendere il proprio posto ad Aosta per affrontare una nuova serie di indagini, a cominciare dal ritrovamento di un cadavere sul Monte Bianco, al confine tra Italia e Francia.

Nato dalla fantasia del romanziere Antonio Manzini, il Rocco Schiavone televisivo ha trovato l’incarnazione perfetta in Marco Giallini che - grazie alla sceneggiatura firmata dallo stesso Manzini e da Maurizio Careddu e sotto la regia di Simone Spada - presta volto, voce e sentimenti a un personaggio controverso perché denso di sfumature. Schiavone è vivido, reale, sempre alla ricerca della verità, solo all’apparenza cinico.

Quattro puntate in cui Schiavone "farà i conti con sé stesso, coi suoi fantasmi e col passato. E naturalmente sarà chiamato a risolvere casi complessi" ha detto Manzini. Romano, legato agli amici d'infanzia che hanno avuto qualche problema con la giustizia, vicequestore ad Aosta, dove è stato trasferito per motivi disciplinari. Nemico del freddo, vive nel grande rimpianto della moglie Marina, a cui hanno sparato e con cui talvolta la sera a casa continua a confrontarsi. La interpretava Isabella Ragonese nelle prime quattro stagioni e ora, per la quinta, c'è Miriam Dalmazio. Si baserà sul libro Vecchie conoscenze e sui racconti.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo