logo san paolo
sabato 08 agosto 2020
 
Unesco
 

Ripristinare i luoghi santi: bufera sull'Unesco

15/10/2016  Una risoluzione dell'agenzia delle Nazioni Unite chiede a Israele di ripristinare lo stato dei luoghi santi compromesso dall'occupazione del 2000 e dalla costruzione di un blocco di ingresso che impedisce ai musulmani l'accesso ai loro luoghi santi. L'ira di Israele contro l'Unesco. L'Italia si è astenuta

Israele è andato su tutte le furie decidendo la sospensione di ogni tipo di rapporto con l’Unesco, dopo la votazione di una risoluzione da parte dell'Agenzia dell'Onu per l’Educazione, la Scienza e la Cultura che condanna Israele per i comportamenti tenuti in alcuni luoghi sacri della città vecchia di Gerusalemme. In particolare l'agenzia fa riferimento - e non è la prima volta - a quanto sta succedendo nelle zone della spianata delle moschee (o monte del tempio) e del muro occidentale (o muro del pianto).

Israele lamenta il fatto che, usando nella risoluzione il solo nome arabo dei luoghi - Al-Aqṣa Mosque/Al-Ḥaram Al-Sharif - non si riconoscerebbero i legami ebraici con quei luoghi santi.

In realtà nella risoluzione del 12 ottobre (che i lettori possono vedere integralmente all'indirizzo http://unesdoc.unesco.org/images/0024/002462/246215e.pdf) presentata da Algeria, Egitto, Libano, Marocco, Qatar e Sudan, l'Unesco riconosce l'importanza di Gerusalemme vecchia per le tre religioni monoteistiche, ma chiede a Israele di ripristinare lo status quo storico dei luoghi che è stato  progressivamente compromesso negli anni e in particolare soprattutto dopo il settembre del 2000. La risoluzione, approvata con il voto favorevole di 24 Paesi, sei contrari (tra cui gli Stati Uniti e la Germania) e l'astensione di altri 26 (tra cui l'Italia) chiede anche di  e riparare i danni causati alle vetrate e alle porte della moschea della scorsa estate e quelli lamentati fin dal febbraio dello scorso anno per le costruzioni nella zona della porta di Mughrabi. Tra le altre cose il documento chiede anche di fermare le misure di sicurezza israeliane che impediscono ai musulmani il libero accesso ai loro luoghi santi.

Il ministro dell'Istruzione israeliano, Naftali Bennett, ha subito accusato l'agenzia Onu di fornire «supporto al terrorismo islamico», mentre, dal canto suo, il premier  Benjamin Netanyahu ha dichiarato che «il teatro dell’assurdo continua all’Onu». Da parte palestinese Nabil Abu Rudeina, portavoce del presidente dell'Autorità Nazionale Palestinese (Anp) ha invece salutato la risoluzione come «un messaggio chiaro per Israele di mettere fine all'occupazione e di riconoscere lo Stato palestinese con Gerusalemme est capitale, inclusi i luoghi santi cristiani e musulmani».

La direttrice dell'Unesco, Irina Bokova, ha tentato di smorzare le polemiche ricordando, in un lungo messaggio, che «a Gerusalemme le tradizioni e ipatrimoni ebraico, cristiano, musulmano, sono legati come in nessun altro posto al mondo sostenendosi reciprocamente. Queste tradizioni culturali e spirituali si appoggiano su testi e riferimenti, noti a tutti, che sono parte integrante dell'identità e della storia dei popoli».

Si legge ancora nel comunicato: «In questo microcosmo della nostra diversità spirituale popoli diversi frequentano gli stessi luoghi, spesso con denominazioni diverse.Il riconoscimento, l'uso e il rispetto di queste denominazioni sono essenziali. La Moschea Al Aqsa/ Al-Haram-al-Sharif, sacro santuario dei musulmani, è anche lo Har HaBayit - o Monte del Tempio - il cui Muro Occidentale è il luogo più sacro del giudaismo a pochi passi dal Santo Sepolcro e del Monte degli Ulivi venerati dai cristiani. L'eccezionale valore universale della città, che le è valsa l'iscrizione nel patrimonio Unesco, sta proprio in questa sintesi che rappresenta un appello al dialogo, non allo scontro».

Infine la direttrice dell'Unesco ricorda che «La nostra responsabilità collettiva come Unesco consiste nel rafforzare questa coesistenza culturale e religiosa, con la forza degli atti e delle parole. Un'esigenza più forte che mai per placare le divisioni che danneggiano lo spirito multiconfessionale di Gerusalemme. Responsabilità dell'Unesco è ricordare al mondo  che formiamo una sola umanità e che la tolleranza è l'unica via per vivere in  un mondo di diversità».

I vostri commenti
33
scrivi

Stai visualizzando  dei 33 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%