Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 26 maggio 2024
 
Televisione
 

Cosa faresti con i poteri della strega Samantha?

20/03/2019  Una fotografia delle donne italiane e su cosa vorrebbero fare o avere se avessero i poteri di una strega. È quello che Paramount Network ha chiesto loro in occasione della messa in onda della amata serie tv, ormai vintage, Vita da Strega. Le risposte? La salute e la felicità della propria famiglia, più possibilità di viaggiare, uno stipendio da urlo, un lavoro creativo e appassionante.

Elizabeth Montgomery (Hollywood, 1933 – Los Angeles, 1995)
Elizabeth Montgomery (Hollywood, 1933 – Los Angeles, 1995)

Chi ha l'età giusta ricorda sicuramento quel piccolo gesto (un impercettibile spostamento del naso con un veloce movimento del dito indice) cha faceva Samatha, la protagonista di Vita da Strega (una delle più amate sit-com degli anni '60 con Elizabeth Montgomery), prima di  mettere in atto uno dei suoi incantesimi. Sempre a fin di bene e per aiuatre i suoi cari. E sicuramente ha sognato, anche solo per un attimo, di risolvere certe situazioni  con i poteri di una strega.

Oggi Paramount Network, il canale di intrattenimento Viacom International Media Networks Italia (can 27 DTT), in occasione della messa in onda della serie tv Vita da Strega, dal lunedì al venerdì alle 20.10 ha chiesto alle donne italiane cosa farebbero se avessero i poteri di una strega. 

Ne è emerso un interessante spaccato delle donne, oggi per necessità sempre più multitasking e desiderose di conciliare doveri con divertimenti. 

Emerge una continua ricerca di equilibrio ed evasione. Tra i loro must have mettono di gran lunga al primo posto il benessere psicologico (indicato dal 77,5%, dato che va a salire con l’età: 72% tra le 18-24 e 83% tra le 45-54). Seguono gli aspetti goderecci e piacevoli della vita, in grado di regalare un’esperienza coinvolgente e di svago, come una settimana in una SPA, ma anche il buon cibo e i viaggi (che tuttavia non fanno parte del quotidiano). Tra i desideri manifestati spicca anche il poter avere due ore aggiuntive alle giornate che scoppiano di attività, per poter dormire/rilassarsi (20%), da dedicare a se stesse (15%), fare sport (8%) o leggere (8%). L’86% del campione dedica infatti meno di due ore al giorno a se stessa, il 37% addirittura meno di un’ora. Tutte le donne risultano fortemente responsabilizzate, sovraccaricate di impegni, eccessivamente compresse, metodiche e pragmatiche nell’affrontare e risolvere tutto. Alcune di loro, infatti, se potessero avere la bacchetta magica la utilizzerebbero per facilitare le faccende domestiche, rendere le case “autopulenti” e così perfette da essere “instagrammabili”. Altre invece vanno oltre, soffocate dalla monotonia quotidiana, e sognano voli ideali verso mete esotiche, di dormire tutto il giorno, di sparire fino a diventare invisibili.

Lo scollamento tra ciò che per le donne è bellezza e ciò che invece è richiesto dalla società è molto elevato, anche per le più giovani. Sulla situazione di difficoltà del mondo femminile sembrano pesare più elementi esterni piuttosto che aspetti interni da loro controllabili. Le principali insicurezze delle donne italiane, infatti, appaiono guidate dal giudizio sociale: oltre il 65% si sente insicura per il proprio aspetto fisico ed estetico (dato che sale a quasi l’80% tra le giovani). Lo stesso si evince anche dagli incantesimi raccolti via social, tra gli esempi: “avere un metabolismo veloce”, “svegliarsi più magre”, “mangiare senza ingrassare”.

Michelle Obama (55 anni)
Michelle Obama (55 anni)

Tra i modelli femminili di riferimento spiccano personaggi che hanno avuto un forte impatto sociale e culturale per le loro competenze e che si sono sapute affermare grazie alla loro determinazione e personalità.  In primis Rita Levi Montalcini, il premio Nobel per la medicina è il modello di riferimento più citato, comune alle donne di tutte le età, anche per le più giovani - non a caso la citazione preferita dal 32% delle donne è proprio sua: “Le donne che hanno cambiato il mondo non hanno mai avuto bisogno di mostrare nulla se non la loro intelligenza”. A seguire, Michelle Obama e Audrey Hepburn, preferite a discapito di bellezze più moderne e contemporanee come la modella Kendall Jenner o l’attrice Jennifer Aniston. Le più giovani, invece, mettono al secondo posto Frida Kahlo, mix di caparbietà, fermezza stoica e grande passione, e al terzo posto Bebe Vio, vera eroina dei nostri tempi che rappresenta un modello di coraggio e di forte resilienza. 

 

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo