Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
Alle Elementari
 

«Cosa hai imparato a scuola? Che bisogna pagare le tasse»

05/12/2015  I commercialisti di Milano hanno ideato un progetto, con tanto di cartone animato e di vademecum del piccolo contribuente, per spiegare ai bambini delle scuole elementari perché è importante contrastare la cultura dell'evasione fiscale.

Forse non arriveranno a sostenere che le tasse sono bellissime come fece l'ex ministro dell'Economia Tommaso Padoa-Schioppa. Ma di sicuro cercheranno di far capire ai loro piccoli allievi che se i loro papà e le loro mamme, insieme a tutti gli altri, le pagano, i primi a beneficiarne sono proprio loro. Con quest'obiettivo è partita la seconda edizione di "Ti spiego le tasse", progetto ideato per le classi quarte e quinte delle scuole primarie dall’Associazione italiana dottori commercialisti ed esperti contabili (Aidc) e dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili  (Odcec) di Milano.

Oltre 180 esperti, nelle scuole elementari aderenti all'iniziativa, tengono delle lezioni per spiegare agli alunni l’importanza nella vita quotidiana dei servizi erogati dallo Stato (tra cui proprio la scuola), evidenziando come i tributi fiscali siano fondamentali per il loro mantenimento. Con il supporto di un cartone animato ideato ad hoc per i più piccoli e del “Decalogo del piccolo contribuente”, un vademecum con le 10 “pillole” di educazione fiscale  (vedi allegato), i volontari spiegano in modo semplice cosa sono le tasse e perché siamo tutti chiamati a pagarle. La prima tappa del calendario degli incontri si terrà il 25 novembre presso l’Istituto Zaccaria di Milano.

“Nell’anno scolastico di debutto dell’iniziativa “Ti spiego le Tasse”, il 2014-2015, abbiamo formato oltre 600 ragazzi e i numerosi Dottori Commercialisti che hanno composto la squadra dei volontari e hanno esposto il progetto nelle classi raccontano di una appassionata e gratificante esperienza: l’orgoglio di appartenere ad una categoria che sa mettersi a disposizione del bene sociale è un sentimento sano e da riscoprire” spiega Lodovico Gaslini, presidente di Aidc Milano.“Diffondere presso le nuove generazioni una conoscenza civica rispetto ai temi della legalità e lealtà fiscale, concetti che sono alla base di una società responsabile e solidale, è il fulcro di un percorso educativo che mira a creare le solide basi per un rapporto e un clima favorevole tra cittadino e fisco, che oggi risulta essere troppo spesso conflittuale e difficile”, aggiunge Alessandro Solidoro, presidente dell’Odcec di Milano.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo