Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
Liturgia
 

«Il microfono ad archetto è adatto a un prete che celebra Messa?»

12/11/2019 

SERGIO B. - Che dire del microfono ad archetto per presbiteri che presiedono i riti liturgici? In Tv lo usano per eventi che valgono meno di una Messa.

Con la riforma liturgica i fedeli sono tornati pienamente soggetto celebrante attraverso una partecipazione attiva e consapevole. Pertanto «la natura delle parti presidenziali esige che esse siano proferite a voce alta e chiara e che siano ascoltate da tutti con attenzione» (Premesse al Messale, n. 32). A maggior ragione questa esigenza vale per un fruttuoso ascolto della parola di Dio e della preghiera eucaristica innalzata a nome di tutti (ivi, nn. 29-30). Pertanto il microfono è benvenuto, anche se il suo uso esige particolari attenzioni. A ragione molti documenti si preoccupano anche della diffusione sonora durante le celebrazioni liturgiche (Progettazione nuove chiese, n. 32; Adeguamento chiese, n. 59). Quanto alla forma del microfono il Messale si preoccupa che esso non sia invadente sull’altare (Precisazioni Cei, n. 14). Per quello portatile ad archetto non c’è alcun veto, ma possiamo chiederci se non vi siano soluzioni altrettanto efficaci ma meno invasive sul volto di chi presiede un rito liturgico.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo