logo san paolo
lunedì 08 agosto 2022
 
dossier
 

«Così ci si prepara a vincere il maligno»

27/10/2014  Chi sono e come si formano i sacerdoti che combattono Satana. Come distinguere un malato da chi è davvero posseduto. Parla lo psichiatra Valter Cascioli, portavoce dell'Associazione internazionale esorcisti (Aie).

Il dottor Valter Cascioli, psichiatra, portavoce  portavoce ufficiale dell’Associazione internazionale esorcisti (Aie).
Il dottor Valter Cascioli, psichiatra, portavoce portavoce ufficiale dell’Associazione internazionale esorcisti (Aie).

Laico, oltre a essere portavoce ufficiale dell’Associazione internazionale esorcisti, il dottor Valter Cascioli ne è membro in qualità di esperto e consulente scientifico. «Affianco il presidente padre Francesco Bamonte nel delicato lavoro di mediare ai giornalisti le problematiche legate a questo importante ministero di consolazione e di liberazione. Il nostro auspicio è che, mediante una migliore conoscenza di questa diaconia a favore dei sofferenti e degli oppressi dal maligno, il Signore possa spezzare le catene e liberare tanti nostri fratelli e sorelle, che ne sono vittima, attraverso l’opera dei sacerdoti esorcisti».

In passato Cascioli ha preso parte, come assistente di don Gabriele Amorth, a numerosi esorcismi ed è membro dell’équipe di primo ascolto e discernimento della diocesi di Roma. Specialista in psichiatria e psicologia clinica, esercita la professione dal 1983 a Roma, attualmente presso l’ex ospedale psichiatrico “Santa Maria della Pietà”; collabora come docente al corso “Esorcismo e preghiera di liberazione” presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, aperto ai sacerdoti e ai collaboratori pastorali.


A giugno l’Aie è stata riconosciuta a livello giuridico dalla Congregazione per il clero. Cosa significa questo passo?

«Siamo testimoni di fatti che non si erano mai verificati prima d’ora nella storia della Chiesa. Lo Spirito Santo sta suscitando nuovi carismi e a sostenendo l’opera pastorale di Papa Francesco, dell’episcopato, di molti presbiteri e laici impegnati, donandoci segni importanti che ci confortano e ci spronano, come il recente riconoscimento pontificio dell’associazione. C’è una nuova attenzione per il prezioso ministero dell’esorcismo, che accompagna con umiltà, fede e carità, tanti nostri fratelli e sorelle vittime del male e del maligno».

Il dottor Valter Cascioli, psichiatra, portavoce portavoce ufficiale dell’Associazione internazionale esorcisti (Aie).
Il dottor Valter Cascioli, psichiatra, portavoce portavoce ufficiale dell’Associazione internazionale esorcisti (Aie).

Come si prepara un sacerdote a diventare esorcista? E chi conferisce questo ministero?
«Ai sensi del canone 1172 del Codice di diritto canonico, può essere esorcista solo un sacerdote che abbia ricevuto una speciale ed espressa licenza dall’ordinario del luogo. Per quanto concerne la formazione dei sacerdoti chiamati a questo delicato ministero, purtroppo non sempre esiste nei seminari un’adeguata preparazione in angelologia ed esorcistica. Pertanto gli esorcisti di nuova nomina si trovano spesso a dover far fronte a un’evidente mancanza di formazione, oltre che di esperienza, a cui l’Aie cerca in parte di ovviare».

Capita spesso che la persona non sia “posseduta”, ma abbia problemi psichiatrici?
«Lo Statuto dell’associazione riconosce tra i suoi scopi quello di “promuovere una collaborazione tra persone esperte in medicina e psichiatria che siano competenti anche nelle realtà spirituali”, per una diagnosi differenziale tra malattie psichiatriche e disturbi dovuti all’attività demoniaca straordinaria (infestazione, vessazione, ossessione, possessione diabolica). Pertanto lo specialista dovrà sempre adottare la massima attenzione: la vera possessione diabolica può mimetizzarsi fino a confondersi dietro i sintomi di una malattia naturale di origine organica, di frequenti malesseri più o meno imprecisati, apparentemente di natura psicologica o francamente psichiatrica, ad esempio la schizofrenia e lo sdoppiamento della personalità. Per poter dirimere i casi che giungono all’attenzione di un esorcista, è necessario che il medico specialista sia adeguatamente formato e abbia maturato un’esperienza in demonologia ed esorcistica».

Quanto è cruciale il ruolo di psichiatri e di altri specialisti accanto al sacerdote esorcista?
«La valutazione dei casi richiede particolare competenza, esperienza e discernimento. Non è sufficiente essere bravi psichiatri. Spesso i problemi preternaturali, cioè l’attività demoniaca straordinaria, vengono visti soltanto in chiave antropologica e socioculturale, psicologica e/o psichiatrica, a motivo del razionalismo e del secolarismo dilagante, negando di fatto la loro reale origine. Per una proficua collaborazione tra esorcisti e psichiatri si rendono auspicabili la conoscenza e la stima reciproca, il rispetto dei ruoli, delle competenze e dei metodi impiegati, la comunione d’intenti sugli obiettivi da raggiungere. Non si può, tuttavia, assolutamente prescindere dal riconoscimento dell’esistenza del diavolo e dell’attività demoniaca straordinaria, di fronte alla quale si richiede, di necessità, l’intervento precipuo dell’esorcista. È altrettanto importante sottolineare che quella che talvolta sembra agli occhi del profano una possessione diabolica può rivelarsi, in realtà, una patologia di natura psichiatrica».

Sui temi dell’occulto si concentra talvolta la morbosità mediatica. Come informarsi correttamente?
«Oggi la fretta, la superficialità, l’egoismo e la secolarizzazione sembrano sempre più dominare la nostra società. La lotta contro il male e il maligno sta diventando un’emergenza. Ciò è chiaramente dovuto, oltre che all’azione diretta del nemico di Dio, all’affievolirsi della fede, alla mancanza di valori e al relativismo culturale dilagante che, con la scusa del rispetto delle diversità e delle differenze, omogeneizza tutto nella trasgressione e nella demagogia. Per altri versi assistiamo al continuo proliferare di libri, programmi radiotelevisivi e prodotti cinematografici che, sulla scia del sensazionalismo e dello spettacolare, incentivano le nuove generazioni a occuparsi dell’esoterismo, dell’occultismo e del satanismo; spesso si tratta di siti web, serie tv e programmi profondamente diseducativi. Basti pensare all’atteggiamento sensazionalistico, padre dello spettacolarismo, con il quale vengono spesso trattati questi argomenti (in modo particolare la possessione diabolica), mettendone in risalto quasi esclusivamente gli aspetti plateali ed emblematici, per “bucare lo schermo”, sollecitando la curiosità e, spesso, facendo leva sui particolari scandalistici. Una valutazione distorta delle manifestazioni dell’attività demoniaca straordinaria può essere all’origine di pericolosi fraintendimenti e allontanare il credente dalla fede o, addirittura, farlo imbattere in pericolosissime situazioni per superficialità e dabbenaggine. Per una corretta conoscenza di queste tematiche, invito a rileggere attentamente il Catechismo della Chiesa cattolica e a meditare la Sacra Scrittura (nella Bibbia si parla 118 volte del nemico di Dio). Senza trascurare il combattimento spirituale: Papa Francesco si è soffermato più volte sul diavolo e sulle sue strategie, invitando a vigilare per non cadere nella sua trappola mortale».

I vostri commenti
6

Stai visualizzando  dei 6 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo