Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
 

Costa caro imbrattare i muri

10/05/2010  In molte città i muri sono ricoperti da disegni e scritte ad opera dei così detti writers. Dare sfogo alla propria creatività sui muri altrui, però, costituisce reato.

In molte città i muri sono ricoperti da disegni e scritte ad opera dei così detti writers. Dare sfogo alla propria creatività sui muri altrui, però, costituisce reato.  Secondo l’art. 639 del Codice Penale, infatti, chiunque deturpa o imbratta cose mobili o immobili altrui è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a 103 euro. La pena aumenta e il reato diventa procedibile d’ufficio se “il fatto è commesso su cose di interesse storico o artistico ovunque siano ubicate o su immobili compresi nel perimetro dei centri storici”. In questo caso la pena è la reclusione fino a un anno o la multa fino a 1.032 euro. 

Pertanto, il rischio concreto può essere modesto se si decorano i muri che corrono lungo i binari ferroviari o le vecchie strutture industriali di periferia, dal momento che è molto improbabile che i proprietari se ne lamentino presentando querela. Viceversa, la possibilità di finire nei guai diventa concreta nei centri storici dove ogni angolo è ormai provvisto di telecamere e dove i proprietari degli edifici sono poco propensi ad apprezzare forme alternative  di “arte”  o - più spesso - messaggi e scritte di varia natura. 

I giudici, dal canto loro, non sono molto inclini a giustificare chi realizza murales e anzi, in alcuni casi, gli imbrattamuri sono stati ritenuti responsabili del reato di danneggiamento (art. 635 Codice Penale) punito più severamente. Sono stati mandati assolti, invece, alcuni minori che avevano scritto e disegnato col gesso (materiale facilmente rimovibile) su un monumento privo di interesse artistico. Oltre ad affrontare il processo penale, chi dovesse essere “beccato” dovrebbe anche risarcire il danno e quindi pagare le spese per la ripulitura e ritinteggiatura  delle facciate, spese tutt’altro che modeste.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo