Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
Credere
 
Credere

La mia lotta per tutte le donne

29/02/2024  Antonella Ferrari è un esempio di resilienza femminile e di amore per la vita. Attrice e scrittrice, 53 anni, affetta da sclerosi multipla, non ha potuto coronare il suo sogno di maternità né con la medicina né con la l’adozione. E ora si batte affinché «l’idoneità dell’amore di una famiglia non si misuri con una diagnosi scientifica». Per questo alla vigilia dell’8 marzo, Giornata internazionale delle donne, le dedichiamo una lunga intervista e la copertina di Credere.

La storia di Antonella è intrisa di dolore ma anche di forza e di speranza: la speranza di poter aiutare altre donne che si trovano in una situazione simile alla sua. «Ho desiderato essere madre da sempre», racconta. «Sentivo che quel ruolo era fatto per me. Ho desiderato la maternità come la cosa più naturale e non perché sono una donna. Su molti fronti sarò magari arrivata in ritardo. Tardi ho conosciuto l’uomo che ho sposato e tardi ho scoperto cosa la medicina poteva offrirmi per diventare madre anche gestendo la malattia».  Negli anni Antonella ha dovuto fare i conti con l’impossibilità alla procreazione e all’adozione. Oggi la situazione è un po’ migliorata, ma non del tutto: la fecondazione assistita non è più pericolosa per una donna con la sclerosi, mentre la maternità adottiva è ancora vietata alle donne con una malattia degenerativa. Per questo dice: «Vorrei che le cose cambiassero in futuro, vorrei che la legge sull’adozione fosse modificata».  Poi c’è un sostegno particolare, di cui Antonella ci rende parteci nell’intervista, ed è il sostegno di Dio: «Ho conosciuto persone più arrabbiate di me, io invece so di non essere stata mai abbandonata, mi sono sempre sentita accudita da Dio».

(Foto Nicola Allegri/Ufficio Stampa)

 

Puoi leggere l’intervista ad Antonella Ferrari su Credere in edicola da giovedì 29 febbraio e in parrocchia da domenica 3 marzo, disponibile anche su edicolasanpaolo.it

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo