Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
Personaggi
 

Crozza lascia stare, Razzi è inimitabile

07/11/2014  Il Parlamentare di Forza Italia sta valutando se gli conviene lasciare il seggio in Senato per partecipare all'Isola dei Famosi. Chissà se la fantasia del comico che lo imita su La7 sarebbe mai arrivata a tanto.

Maurizio Crozza si impegna ogni settimana su La7 per rendere sempre più mirabolante la sua imitazione del parlamentare di Forza Italia Antonio Razzi. Lo fa passare per un semianalfabeta che ignora tutto ciò che accade al di fuori del suo Abruzzo e interessato solo a una cosa: il vitalizio. Il risultato è sempre esilarante, ma gli sforzi del comico genovese rischiano di essere vani perché l'originale riesce sempre a superarsi. Tra tanti difetti che gli si possono attribuire, di sicuro non si può dire che Razzi sia un ipocrita. Intervistato da David Parenzo per "Corriere Tv", il senatore non solo ha confermato di essere in trattativa con Mediaset per partecipare alla prossima edizione dell'Isola dei Famosi, ma ha così spiegato le ragioni del suo tentennamento: "Devo vedere perché non posso via stare tutte quelle settimane". Basterebbe dimettersi, ma lui non ci pensa proprio: "Dimettermi? Come faccio ahò? Lì, in Senato, è una paga sicura. Vai sull'Isola e non pigli niente. Qua nisciuno è fesso".

Una dichiarazione che non deve sorprendere: dal mitico fuorionda che ha ispirato Crozza in cui confessava di aver votato la fiducia al Governo Berlusconi solo per interessi economici, alla sua confessione sul fatto che il suo libro è opera di un ghost writer ("Se sapevo scrivere facevo lo scrittore, mica lu parlamentare), alla sua ammirazione per la Corea del Nord e per il suo dittatore Kim Jong-un, definito "un moderato" che "sta cercando di portare un po’ di democrazia in quel Paese", mentre Shin Dong-hyuk, figlio di internati e autore del  libro denuncia “Fuga dal campo 14” sarebbe un bugiardo perché lui ha “girato in lungo e in largo”la Corea del Nord e non ha mai visto campi di concentramento. 

Di una cosa siamo sicuri: Razzi continuerà a fornire nuovi spunti comici a Crozza. Cosa dovrebbe temere? E' già stato eletto per ben tre volte dal popolo italiano in Parlamento e anche se al prossimo giro dovesse andargli male ormai è sicuro di portarsi a casa una lauta pensione. Ha proprio ragione: tutto si può dire di lui tranne che sia un fesso.

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo