logo san paolo
mercoledì 19 gennaio 2022
 
Papa
 

Da Bush a Trump, quelli che attaccano Francesco

19/02/2016  Per le sue posizioni in campo economico e ambientale, Bergoglio è bersaglio di aspre critiche da parte di alcuni esponenti del partito repubblicano americano. E in Italia, il leghista Salvini...

L’ultimo è stato Donald Trump, che in queste ore sta cercando affannosamente di attenuare i toni, spiegando, al solito, che è stato male interpretato. Eppure il suo pesante attacco a papa Francesco è stato un recidivo uno-due. Prima del viaggio in Messico era già andato giù lancia in resta, poi dopo l’intervista del Papa in volo ai giornalisti del seguito aveva alzato il tono. Adesso sta cercando una via di uscita. Forse l’attacco era troppo duro anche per i cattolici conservatori americani, quelli che non hanno mai nascosto antipatia per Bergoglio e che votano repubblicano.

Negli Stati Uniti, si sa, il Papa argentino non è molto amato dai cosiddetti “teocon”, i conservatori di Dio, che si annidano nelle file repubblicane. Già Jeb Bush fratello dell’ex-presidente, quello che posta con grazia su twitter la foto della sua pistola firmata con tanto di qualifica “gov”, aveva attaccato papa Francesco sull’enciclica “Laudato si’”, ancor prima di averla lettera. Gli serviva un botto per iniziare la sua campagna elettorale a giugno e non ha trovato di meglio che il papa, spiegando che sull’ambiente nessuno può dettare a lui l’agenda “nemmeno il mio papa”.

In Italia chi non ha mai fatto mistero che il Papa non gli piace è Matteo Salvini. Il leader della Lega ha detto con la grinta che lo contraddistingue un durissimo no al Papa, qualche mese fa. Bergoglio parlando di immigrati davanti alle immagini drammatiche della rotta balcanica e delle chiusure europee aveva invitato a “chiedere perdono per le persone e le istituzioni che chiudono la porta”. E Salvini ai microfoni di Radio Padania ha risposto piccato: “No, noi non chiediamo perdono, non abbiamo bisogno di chiedere perdono”.

I vostri commenti
25

Stai visualizzando  dei 25 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo