Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 
 

Da Romolo e Remo a Renzi e Grillo, che bello il duello

05/04/2014  Per noi italiani è sempre derby, soprattutto in politica.

Silvio Berlusconi (Reuters).
Silvio Berlusconi (Reuters).


Il duello, la sfida a due, il derby, agli italiani piace da matti. Anzi, ci è sempre piaciuto: Romolo e Remo, Cesare e Bruto, Augusto e Antonio, Guelfi e Ghibellini, Montecchi e Capuleti, Coppi e Bartali, Dc e Pci... Ci siamo arrampicati lungo i secoli come spettatori di coppie rivali e litigiose, parteggiando per questo o per quello, esultando e lamentandoci a turno, qualche volta passando dall'uno all'altro campo o, addirittura, giocando per entrambi: i catto-comunisti, gli atei devoti...

Negli ultimi tempi, da questo punto di vista, la politica non ci aveva dato grandi soddisfazioni. Duelli entusiasmanti, pochi. Berlusconi-Fini, forse, ma troppo impari. Veltroni-D'Alema, magari, ma troppo interno al Pd. Renzi-Bersani? No, troppo composto, e troppo figlio della disciplina di partito Bersani per vederlo abbandonarsi a una vera singolar tenzone. Ci rimaneva il calcio: Fiorentina-Juventus come rimando alle scintille tra Della Valle e gli eredi Agnelli, Inter-Milan (ma non Moratti-Berlusconi)...

E quindi, diciamoci la verità: questo derby tra Renzi e Grillo arriva come il cacio sui maccheroni per il nostro gusto per lo spettacolo. E' facile immaginare le battute pungenti, i frizzi, le provocazioni, gli ammiccamenti, le entrate a gamba tesa (e comunque, si sa, l'arbitro è sempre disonesto), le sceneggiate. E se davvero Berlusconi dovrà accontentarsi della panchina (ma ne siamo davvero convinti?), è altrettanto facile immaginare il suo rosicamento interiore. Perché tutto si può dire del Cavaliere tranne che non sia un uomo da derby elettorale. 


 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo