Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 luglio 2024
 
Il documento
 

Da Trieste l'appello al Paese: Difendiamo la Costituzione e l'unità del Paese

09/07/2024  Le aggregazioni laicali, dall'Azione cattolica alle Acli a Comunione e liberazione agli Scout, lanciano insieme, dopo la Settimana sociale, una Lettera aperta per dire che la democrazia non è conquistata una volta per sempre e che bisogna continuare a impegnarsi per difendere la libertà e la dignità di tutti

C’è già un primo frutto della Settimana sociale di Trieste. Come si erano ripromessi, i delegati e le delegate sono tornati a casa cercando di fare rete. E così, come avevano fatto per l’appello alla pace incontrandosi due mesi fa nel capoluogo giuliano, Azione Cattolica Italiana, ACLI, Associazioni, Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani, Comunità di Sant’Egidio, Fraternità di Comunione e Liberazione, Movimento Cristiano Lavoratori, Movimento Politico per l’Unità Focolari, Rinnovamento nello Spirito e Segretaria della Consulta nazionale delle aggregazioni laicali , siglano insieme una lettera al Paese «A difesa della costituzione e dei principi democratici» per una democrazia che, come ha ben spiegato il capo dello Stato, sia «sempre più partecipata dal basso e sostanziale, al servizio degli ultimi e dei deboli».

 

L’appartenenza «plurale», sottolineano i presidenti e i responsabili dei movimenti e delle associazioni, è «una ricchezza che ci anima ancora di più nella ricerca quotidiana di ascolto attento, confronto leale, dialogo paziente e collaborazione costruttiva. Siamo altresì consapevoli che in questo tempo, attraversato dalla violenza della guerra e dalla crescita delle disuguaglianze, la democrazia è un bene sempre più fragile che esige una cura che non può escludere nessuno. Mantenere viva la democrazia è, come ci ha ricordato papa Francesco, una sfida che la storia oggi ci pone, incoraggiando tutti a lavorare perché l’impegno a rigenerare le istituzioni democratiche possa sempre più essere a servizio della pace, del lavoro e della giustizia sociale».

Tornano a chiedere, con forza, che ci si impegni per la pace «in Ucraina, in Terra Santa, nel Sudan, in Congo e in altre regioni del mondo» perché essa «è il fondamento della democrazia. La guerra corrode e corrompe la democrazia. Oggi per noi andare al cuore della democrazia significa confermare e chiedere alla società, alla politica, alle istituzioni una scelta per la pace che si faccia azione concreta».

E parlano di casa comune, di sviluppo del Paese che richiede di superare le ideologie «facendo tesoro della libertà conquistata dopo la dittatura fascista e l’esperienza distruttiva della Seconda guerra mondiale. I cattolici si sono messi al servizio di quest’opera civile di straordinario valore. Vi hanno contribuito con la loro fede, con il loro impegno, con le loro idee. Lo hanno fatto camminando insieme a donne e uomini di cultura diversa, cercando di dare alla comunità un destino migliore e un ordinamento più giusto, convinti che la solidarietà accresce la qualità della vita e che la prima prova di ogni democrazia sia l’attenzione a chi ha maggior bisogno».

E con questo spirito si interrogano «su come infondere ancora una volta questo spirito nel tessuto della nostra società, della nostra patria e della nostra Europa» affrontando le sfide della crisi della rappresentanza e promuovendo maggiore partecipazione. «Siamo consapevoli», scrivono, «che una lungimirante alleanza costituzionale sia ancora oggi possibile, ritrovando quella che Aldo Moro ebbe a definire una “straordinaria convergenza di mobilitazione e di collaborazione, di popolo e di governo”».

E sulle riforme costituzionali chiedono più confronto per superare «il rischio di radicali polarizzazioni» e lavorare insieme per la «piena concretizzazione dei diritti sociali per i poveri, per gli “invisibili” e per ogni persona» che, nella loro «infinita dignità» rappresentano «– come ha ricordato papa Francesco – il cuore ferito della democrazia perché la democrazia non è una scatola vuota, ma è legata ai valori della persona, della fraternità e dell’ecologia integrale».

Chiedono che vengano garantiti i necessari contrappesi per equilibrare i poteri dello Stato nella consapevolezza che «la democrazia non è mai conquistata per sempre» e una più attenta considerazione dell’autonomia differenziata preoccupati dell’impatto di questa riforma «sull'unità sostanziale del Paese».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo