Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 luglio 2024
 
 

Dagli immigrati 6,7 miliardi di tasse

19/03/2015  E le loro imprese resistono alla crisi. Risulta dal 4° Rapporto sull’Economia della Migrazione, della Fondazione Moressa. Dobbiamo agli stranieri residenti in Italia il 4,4% dell’intero gettito. Le loro aziende producono 85 miliardi di fatturato, e hanno aumentato l’occupazione di 18 mila unità.

Il 2014 sarà ricordato come l’anno record degli sbarchi, ma l’immigrazione non è solo questo: 500 mila imprese guidate da stranieri, oltre 2 milioni di lavoratori e 6,7 miliardi di euro di imposte versate.

Lo ricorda la Fondazione Leone Moressa di Mestre nel 4° Rapporto sull’Economia dell’Immigrazione, che dice chiaramente: «Sono quasi 5 milioni gli stranieri residenti, provenienti da 200 Paesi diversi: con questi numeri non possono trovare spazio solo quando si parla di sbarchi».

È vero che nel 2014, i migranti sbarcati sulle coste italiane hanno superato le 118 mila unità, quasi il triplo del 2013 e il doppio rispetto al 2011, anno dell’Emergenza Nord Africa. Allo stesso tempo, nel primo semestre 2014 l’Italia è il Paese Ue con il più forte aumento di richiedenti asilo (+144,4%), mentre la media europea si attesta a un +19,6%. Ma nonostante tutto, i profughi rappresentano solo il 2% della popolazione straniera regolarmente presente (4.387.685 persone).

Nel Belpaese, convivono 200 nazionalità diverse, di cui la metà supera le mille presenze e otto le centomila. Quali? Romania, Albania, Ucraina, Marocco, Cina, Ucraina, Filippine, Moldova, India. Le regioni a essere più multietniche e a far convivere un’ampia varietà di provenienze, lingue e religioni sono Lazio (184), Lombardia (180) e Toscana (170).

Secondo la Fondazione Moressa, la componente straniera non deve essere percepita solo come una spesa, ma anche come una risorsa. «Nell’ultimo anno, l’Irpef versata da chi è nato all’estero», spiegano i ricercatori, «ha apportato alle casse dello Stato 6,7 miliardi di euro, pari al 4,4% del totale del gettito».

Sono infatti oltre 3 milioni e mezzo i contribuenti stranieri (8,5% del totale), il dato è in crescita dal 2008 e la media è di 3.001 euro. Aumentano gli stranieri che pagano le tasse e diminuiscono quelli che mandano risorse in patria: nel 2013 le rimesse inviate ai Paesi di origine sono state pari a 5 miliardi e mezzo di euro, rispetto al 2011 gli immigrati hanno inviato in patria quasi 2 miliardi di euro in meno.

Immigrati, quasi mezzo milione di imprese

Se gli stranieri soffrono la crisi economica come gli italiani, la loro imprenditoria prova a resistere. Su 6 milioni di imprese operanti in Italia lo scorso anno, 497.080 sono guidate da persone nate all’estero (l’8,2% del totale).

Aziende che producono un valore di 85 miliardi e sembrano riuscire a resistere alla crisi: rispetto al 2012 le imprese italiane sono diminuite di quasi 50 mila unità, mentre quelle straniere sono aumentate di 18 mila.

La crisi economica viene avvertita maggiormente dai 2 milioni di occupati stranieri: rispetto al 2007 gli stranieri perdono 9 punti di tasso di occupazione, contro i 3 punti degli italiani. Infine, la Fondazione Moressa certifica che le famiglie soffrono insieme la crisi. Il reddito di quelle italiane è sceso di 4.249 euro dal 2012 al 2008, arrivando a una media di 31.400 euro. Si dimezzano entrambi i valori se si considerano gli stranieri: un calo di 2.208 euro in quattro anni per arrivare a un reddito familiare di 16.629.



I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo